Sky Arte HD
SkyArte

Biennale della Fine del Mondo, Italia protagonista

22 dicembre 2014

SONY DSC

Le rotte dell’arte difficilmente trattano questi luoghi come un punto d’arrivo, semmai come una piattaforma di transito: città e situazioni da cui partire verso contesti ritenuti più vitali, dinamici, frizzanti. Se non in senso assoluto almeno dal punto di vista puramente commerciale. Cile, Argentina e Uruguay sono invece nazioni dalla ricchezza artistica straordinaria, uniti dal 2007 da un progetto che punta a mettere in luce – grazie al confronto con gli altri Paesi del mondo – una scena che non si esaurisce con le artistar che dal Sud America hanno preso il largo verso l’estero.

Si rinnova quest’inverno – quest’estate, se consideriamo l’emisfero meridionale! – l’appuntamento con la Biennale della Fine del Mondo: quarta edizione per il più giovane evento del genere, ospitato da dicembre nella città argentina di Mar del Plata (fino al 22 febbraio) e in quella cilena di Valparaiso (dove l’apertura è prolungata fino a fine marzo). Dalla costa dell’Atlantico a quella del Pacifico insomma, a suggerire la complessità e l’energia di quanto racchiuso in questa affascinante porzione di America.

Non mancano i lavori di artisti importanti, come Regina José Galindo; e non mancano le giovani promesse, su tutte la video-artista  albanese Alketa Ramaj. A brillare in tutto il suo splendore è però l’Italia, invitata come nazione ospite con una ricca serie di progetti. Partendo da Ginnastica della Visione , programma nomade dedicato alla performance che vede l’artista Paolo Angelosanto in veste di curatore. In questo caso al lavoro, tra gli altri, con l’apprezzatissimo street-artist Opiemme.

Nella sezione Prospettive Italiane  incontriamo tra gli altri gli elegantissimi set fotografici di Matteo Basilé e i video di Marinella Senatore, mentre Micol Di Veroli firma la curatela del progetto sull’idea di confine, proponendo insieme a star del calibro di Joan Jonas e Marcelo Cidade anche il duo partenopeo Bianco Valente, che con la video-perfomance Illimite  (nella foto) offre una visione del tema di estrema delicatezza.