Sky Arte HD
SkyArte

Mario Merz, primo ospite delle Gallerie dell’Accademia

9 maggio 2015

Mario-Merz-Spirale-di-cera, 1970-1981

Nel corso dei frenetici giorni della 56. Biennale d’Arte, Venezia ha fatto da sfondo a un altro straordinario evento. Le sale delle Gallerie dell’Accademia hanno aperto le porte alla contemporaneità con una mostra memorabile. Mario Merz – Città irreale presenterà al pubblico, fino a 20 settembre, l’opera di uno dei più celebri esponenti dell’Arte povera italiana.

Rinnovate dopo un laborioso restauro durato oltre dieci anni, le Gallerie veneziane, da sempre polo espositivo dell’arte antica e moderna, diventano un punto di riferimento anche per la produzione artistica più recente.
L’esposizione dedicata a Mario Merz è la prima realizzata da un’istituzione pubblica italiana dalla scomparsa dell’artista e dall’imponente retrospettiva a lui dedicata da Castello di Rivoli, GAM e Fondazione Merz nel 2005.

L’intento del curatore, Bartolomeo Pietromarchi, è quello di mettere in luce le tematiche ricorrenti nella poetica di Merz, relazionandole agli ambienti che le ospitano.
Lo spazio è proprio uno dei concetti indagati dall’artista, in tutte le sue declinazioni: habitat, spazio abitato, oggetto quotidiano, luogo collettivo, naturale o artificiale. Le installazioni di Merz polverizzano i confini tra natura e artificio, tra organicità e richiami industriali, accogliendo tutte le sfaccettature del presente.

Il neon, impiegato fin dalla metà degli anni Sessanta, è uno strumento che attesta l’incredibile attualità di Mario Merz, personalità quanto mai adatta a inaugurare la stagione contemporanea delle nuove Gallerie dell’Accademia, in linea con l’apertura di Venezia agli slanci artistici contemporanei.

[Immagine d’apertura: MarioMerz, Spirale di cera, 1970-1981]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close