Sky Arte HD
SkyArte

Calabria, ultimato il restauro del Codex Purpureus Rossanensis

9 agosto 2016

Codex_Purpureus_Rossanensis

Ha trovato la propria collocazione nel nuovo Museo del Codex a Rossano (Cosenza), il Codex Purpureus Rossanensis, delicato manoscritto di origine bizantina, risalente al VI secolo dopo Cristo.
Realizzata su supporto in pergamena color porpora, manoscritta e miniata, a partire dal 2012 l’opera è stata oggetto di un complesso intervento a cura dell’ ICRCPAL – Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e librario del Ministero dei Beni Culturali, a Roma. Dopo una serie di preventive analisi biologiche, chimiche, fisiche, tecnologiche, il Codex Rossanensis è stato quindi sottoposto a restauro.

Finalmente rientrato nella sede destinata alla sua conservazione, il volume non smette di affascinare per la sua unicità. Considerato infatti il più prezioso fra i codici onciali – scritti in caratteri greci maiuscoli – dell’antichità, è il solo ad essere giunto a noi nella forma rilegata.
Nei 188 fogli di pergamena che lo compongono, numerati recto verso e con scritte in caratteri in oro e argento, compaiono miniature relative alla vita di Gesù e, in forma estesa, il Vangelo di Matteo; presente anche in parte il Vangelo di Marco, mentre sono interamente perduti quelli di Luca e Giovanni.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close