Sky Arte HD
SkyArte

Ai Weiwei racconta a Palermo l’Odissea contemporanea

25 aprile 2017

copyright © Ai Weiwei. Photo Benito Frazzetta. Ai Weiwei, Odyssey, 2017, exhibition view, ZAC, Palermo

Riconduce il fenomeno migratorio fino alle sue origini: Odyssey è il nuovo intervento che l’artista di fama internazionale Ai Weiwei ha concepito nell’ambito della sua ricerca sui rifugiati e sui campi profughi nel mondo.
A ospitarlo sono gli spazi di ZAC / Zisa Arti Contemporanee, occupati in larga parte dai risultati della scrupolosa indagine condotta dall’autore ripercorrendo la storia dell’umanità, a partire dai primi spostamenti di massa degli esseri umani di cui si ha testimonianza nel Vecchio Testamento. Ai Weiwei ne analizza la cornice storica, politica e sociale, per individuare una posizione all’attuale “crisi dei rifugiati”, alla quale sta dedicando le sue energie in questi ultimi anni.

Un tema, come noto, profondamente connesso con la vicenda umana dell’artista: “Ho pensato alla mia esperienza come rifugiato. - Ha dichiarato Ai Weiwei - Quando sono nato, mio padre, Ai Qing, è stato denunciato come nemico del partito e del popolo. Siamo stati mandati in un campo di lavoro in una regione remota lontano da casa […] È un’esperienza terribile essere considerato straniero nel tuo paese, nemico della tua gente e delle cose che più mio padre amava.”

Ambasciatore della Coscienza di Amnesty International dal 2015, per Palermo ha messo a punto un’istallazione nella quale vengono afficanti i materiali raccolti in prima persona, durante le visite nei campi profughi, con i risultati di una ricerca iconografica condotta anche attraverso i social media. Questo corpus viene restituito attraverso sei diversi motivi decorativi, desunti dagli stilemi delle antiche civiltà.

Il progetto Odyssey è stato promosso da Amnesty International Italia, in occasione della sua XXXII Assemblea generale, e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo. L’appuntamento si è svolto dal 23 al 25 aprile 2017 in Sicilia poiché l’isola rappresenta l'”approdo mediterraneo, sede d’incontro e di scambio tra popolazioni, lingue e culture millenarie diverse“.
Nel corso dell’allestimento dell’opera, i Cantieri Culturali alla Zisa hanno ospitato anche Diritti in Cantiere, una serie di iniziative culturali ed educative – incontri, dibattiti, formazioni, concerti, proiezioni di film sui temi dell’accoglienza e della migrazione – alla presenza di centinaia di soci delegati di Amnesty International Italia.

[Immagine in apertura: Ai Weiwei, Odyssey, 2017, exhibition view, ZAC, Palermo © Ai Weiwei. Photo by Benito Frazzetta]


Hai dimenticato i tuoi dati di accesso? Clicca qui

Non sei registrato? Registrati ora

Recupera il tuo Sky iD
Inserisci l'indirizzo e-mail con cui ti sei registrato

Recupera il tuo Sky iD
Ti informiamo che a breve riceverai via mail il tuo username
Recupera username
Recupera il tuo Sky iD
Recupera password
Ti informiamo che a breve riceverai una e-mail che ti permetterà di modificare la tua password
Recupera password
Username non trovato in archivio.
Aggiorna indirizzo email
Calcola codice fiscale
Aggiorna indirizzo email
E' stata inviata una email di conferma al nuovo indirizzo che hai specificato, la procedura di aggiornamento sarà completa non appena selezionerai il link di conferma.
Aggiorna indirizzo email
Si è verificato un errore durante la procedura di aggiornamento. Riprovare più tardi
Caricamento in corso...

Tutti i marchi Sky e i diritti di proprietà intellettuale in essi contenuti, sono di proprietà di Sky international AG e sono
utilizzati su licenza. Copyright ©2017 Sky Italia - P.IVA 04619241005 - Segnalazione abusi