Sky Arte HD
SkyArte

Durante la Biennale, anche Marina Abramović arriva a Venezia

16 maggio 2017

Marina Abramovic, The Kitchen IV - Homage to Saint Therese, dettaglio, 2009 © The Artist; Courtesy Lisson Gallery

Non è uno spazio qualsiasi, quello all’interno del quale è stata allestita la persona dell’artista Marina Abramović in concomitanza con la 57. Mostra Internazionale d’Arte di Venezia.
Nato nel 2011 su impulso di Alessandro Possati, Zuecca Project Space – al civico 33, alla Giudecca – è infatti un luogo votato all’accoglienza di progetti d’arte contemporanea orientati alla ricerca interdisciplinare e al dialogo. Fino al 30 settembre, ospiterà The Kitchen, un’esposizione promossa in collaborazione con Lisson Gallery, tra le più influenti gallerie d’arte contemporanea su scala globale.

In mostra video e fotografie realizzate da Marina Abramović all’interno della cucina abbandonata dell’ex convento La Laboral a Gijón, in Spagna. Nel corso della sua storia, si stima che questo complesso abbia accolto oltre 8mila orfani, circostanza che genera alcune analogie proprio con Zuecca Project Space. Questo spazio espositivo, infatti, è collocato all’interno dell’ex convento cinquecentesco delle Zitelle, istituzione che forniva supporto e istruzione a giovani senza famiglia.
A ispirare la serie dell’artista, originaria di Belgrado, alcuni testi attribuiti a Santa Teresa d’Avila e i suoi stessi diari, nei quali confessa la sua posizione nei confronti delle “forze divine”. In The Kitchen l’iniziale omaggio alla figura della Santa va a intrecciarsi  con l’esperienza biografica, come la stessa Abramović ha precisato: “Nella mia infanzia, la cucina di mia nonna era il centro del mio mondo: tutte le storie sono state raccontate in cucina, tutti i consigli riguardanti la mia vita sono stati dati in cucina (…) tutte le mie migliori memorie provengono da lì“.

Nel percorso espositivo sono incluse tre installazioni video: si tratta delle opere The Levitation of Saint Theresa, Holding the Milk e Vanitas, risalenti al 2009. Ad unificarle la presenza dell’artista colta mentre compie semplici azioni, interrotte da movimenti che evocano la dimensione soprannaturale e mistica. Nel primo video, ad esempio, gli spettatori possono osservare l’artista mentre inizia a levitare in aria.

Sempre in occasione della Biennale, Abramović è tra i protagonisti di Intuition, la collettiva presentata dalla Fondazione Axel & May Vervoordt e dalla Fondazione Musei Civici di Veneziam in corso a Palazzo Fortuny.
Inoltre, resta ancora aperta fino al 21 maggio The Cleaner, la prima grande retrospettiva europea dedicata all’artista, presso il Moderna Museet di Stockholm. Dal 17 giugno al 22 ottobre, la stessa mostra sarà ospitata al Louisiana Museum of Modern Art di Copenhagen, in Danimarca.

[Immagine in apertura: Marina Abramovic, The Kitchen IV: Homage to Saint Therese, dettaglio, 2009 © The Artist; Courtesy Lisson Gallery]


Hai dimenticato i tuoi dati di accesso? Clicca qui

Non sei registrato? Registrati ora

Recupera il tuo Sky iD
Inserisci l'indirizzo e-mail con cui ti sei registrato

Recupera il tuo Sky iD
Ti informiamo che a breve riceverai via mail il tuo username
Recupera username
Recupera il tuo Sky iD
Recupera password
Ti informiamo che a breve riceverai una e-mail che ti permetterà di modificare la tua password
Recupera password
Username non trovato in archivio.
Aggiorna indirizzo email
Calcola codice fiscale
Aggiorna indirizzo email
E' stata inviata una email di conferma al nuovo indirizzo che hai specificato, la procedura di aggiornamento sarà completa non appena selezionerai il link di conferma.
Aggiorna indirizzo email
Si è verificato un errore durante la procedura di aggiornamento. Riprovare più tardi
Caricamento in corso...

Tutti i marchi Sky e i diritti di proprietà intellettuale in essi contenuti, sono di proprietà di Sky international AG e sono
utilizzati su licenza. Copyright ©2017 Sky Italia - P.IVA 04619241005 - Segnalazione abusi