Sky Arte HD
SkyArte

In un libro illustrato per bambini il ritratto di Yayoi Kusama

16 settembre 2017

Yayoi Kusama, All the Eternal Love I Have for the Pumpkins, 2016, legno, specchio, plastica, acrilico, LED, 292,4x415x415 cm, edizione di 3 prove più 1 dell'artista, courtesy: Kusama Enterprise, Ota Fine Arts, Tokyo/Singapore and Victoria Miro, London, © Yayoi Kusama. Photography by Thierry Bal

Il 2017 si conferma un anno di grandi novità per l’amatissima artista giapponese Yayoi Kusama, classe 1929. Dopo l’annuncio dell’apertura a Tokyo, il prossimo 1 ottobre, del suo museo personale nel vibrante quartiere di Shinjuku, per la creatrice dei celebri ambienti – e di numerosi interventi che l’hanno resa popolare su scala internazionale – arriva un’altra celebrazione.
Dal 26 settembre prossimo, la libreria del MoMA e una serie di indirizzi selezionati proporranno in vendita Yayoi Kusama: From Here to Infinity, un volume illustrato che ricostruisce il profilo personale e la carriera della più nota artista vivente giapponese.

Concepito in accordo con lo studio Kusama, il libro combina le illustrazioni di Ellen Weinstein con i testi di Sarah Suzuki, curatrice del Dipartimento di Disegni e Stampe dello stesso MoMA.
Due le sezioni in cui si articola il volume: a una prima parte che restituisce l’infanzia e l’adolescena dell’artista – precocissima la sua vocazione per il disegno – fa seguito la narrazione che ripercorre la scelta di allontanarsi dalla terra natale. A New York, città scelta per il ruolo indiscusso nella scena artistica dell’epoca, Yayoi Kusama subisce il fascino del MoMA e delle sue collezioni, ma sarà poi il suo Giappone ad accoglierla nuovamente nelle fasi cruciali della sua parabola artistica, tuttora in corso.

[Immagine in apertura: Yayoi Kusama, All the Eternal Love I Have for the Pumpkins, 2016, legno, specchio, plastica, acrilico, LED, 292,4x415x415 cm, edizione di 3 prove più 1 dell’artista, courtesy: Kusama Enterprise, Ota Fine Arts, Tokyo/Singapore and Victoria Miro, London, © Yayoi Kusama. Phot by Thierry Bal]