Sky Arte HD
SkyArte

Canaletto, un veneziano a Londra (e nei cinema)

26 novembre 2017

Canaletto, Piazza San Marco looking East towards the Basilica and the Campanile, c.1723-4, Royal Collection Trust

Lunedì 27 novembre – e solo per tre giorni, fino a mercoledì – nelle sale cinematografiche italiane andrà in scena una nuova puntata della fortunata serie di proiezioni intitolata La Grande Arte al Cinema.
Protagonista del lungo metraggio che verrà proiettato – distribuito come di consueto da Nexo Digital, sul cui sito è possibile consultare l’elenco delle sale aderenti all’iniziativa – è forse il maggior “ritrattista” che Venezia abbia mai potuto vantare: Giovanni Antonio Canal, che altri non è se non il Canaletto, che più di ogni altro pittore si è dedicato proprio a cogliere colori e atmosfere (anche in senso letterale) della celebre città lagunare.

Canaletto a Venezia si intitola appunto il lungometraggio in programma, approfondimento che trae origine dalla mostra – conclusasi lo scorso 12 novembre – Canaletto e l’arte di Venezia presso la Galleria della Regina a Buckingham Palace. Oltre all’opportunità di entrare attraverso le telecamere in ben due residenze ufficiali – oltre a Buckingham Palace, anche il Castello di Windsor – il film permette agli spettatori di ricostruire la storia del legame che si creò tra Canaletto e l’Inghilterra nel Settecento.
Non è un caso, infatti, che alcune delle opere presenti nell’esposizione appartengano alla Royal Collection: il principale agente di Canaletto fu Joseph Smith, Console britannico a Venezia e fautore dell’introduzione del pittore nel Regno Unito, la cui collezione venne acquistata nel 1762 da re George III.

Il corpus di 200 opere, tra dipinti, disegni e stampe, costituisce una sorta di Grand Tour o viaggio nel tempo, alla scoperta di una Venezia settecentesca tanto precisa – incredibile la maestria di Canaletto nella rappresentazione di scorci prospettici e architetture – quanto poeticamente rielaborata dalla sensibilità del pittore.
Da Piazza San Marco e Palazzo Ducale, fino alla Chiesa dei SS. Giovanni e Paolo, sono numerose le vedute in cui i visitatori di Venezia – di ieri come di oggi – possono riconoscere luoghi amati e caratteristici, senza magari accorgersi che Canaletto aveva “manipolato” la realtà aprendo nuovi scorci o spostando alcuni edifici, per raggiungere la composizione perfetta.

In effetti, proprio dall’estensione di simili “licenze poetiche” prende probabilmente avvio un genere paesaggistico nuovo, nel Settecento di Canaletto: il capriccio, dove alla verosimiglianza di prospettive e architetture si combina una composizione del tutto inventata, al fine di creare luoghi tanto realistici quanto mai esistiti.

[Immagine in apertura: Canaletto, Piazza San Marco looking East towards the Basilica and the Campanile, c.1723-4, Royal Collection Trust/© Her Majesty Queen Elizabeth II 2017]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close