Sky Arte HD
SkyArte

Ligabue ancora una volta regista, con il nuovo film Made in Italy

18 gennaio 2018

Made in Italy, regia di Ligabue, con Stefano Accorsi

Sono Stefano Accorsi e Kasia Smutniak i protagonisti della nuova prova da regista del cantautore italiano Luciano Ligabue. Dopo Radiofreccia e Da zero a dieci, l’artista di Correggio è infatti tornato dietro alla macchina da presa per realizzare Made in Italy, in uscita nelle sale italiane il prossimo 25 gennaio. A vent’anni dal fortunato – e pluripremiato – debutto cinematografico, nel nuovo lungometraggio Ligabue dichiara il proprio amore per il Paese d’origine attraverso una storia appassionante e coinvolgente.

Accorsi veste i panni di Riko, un uomo di cinquanta anni nato e cresciuto in Emilia. Porta avanti l’attività già svolta da suo padre, lavorando nello stesso salumificio; è spostato con la parrucchiera Sara, interpretata dall’attrice di origini polacche che quest’anno sarà al cinema anche con Loro di Paolo Sorrentino. La sua è un’esistenza semplice, basata sull’onestà e sul lavoro, nella quale la fatica quotidiana, con le sue difficoltà e talvolta insoddisfazioni, è compensata dai legami affettivi. Questo quadro sembra improvvisamente farsi precario, alimentando dubbi sul futuro, da tutti i punti di vista. È a questo punto che Riko comprende di non volere darla vinta al tempo che inesorabilmente fa il suo corso: rimettendosi in gioco, prova infatti a prendere in mano il suo destino.

Made in Italy si riconnette direttamente all’ultimo disco di Ligabue, di cui ricalca il titolo, uscito nel novembre 2016 e premiato con il triplo platino. Il film è stato girato in larga parte nelle terre care all’artista e include scene in cui compare la sua Correggio. Anche questa volta il ruolo del cantautore è stato ampio: in Made in Italy Ligabue firma infatti soggetto, sceneggiatura, regia e naturalmente musiche. Nella colonna sonora, in uscita il prossimo 23 gennaio, sono comprese 23 tracce, di cui 20 composte da Luciano; a queste vanno a sommarsi tre canzoni dai repertori di Simple Minds, Psychedelic Furs e Waterboys.

È un film che non ho difficoltà a definire sentimentale perché trovo che sentimento, spesso confuso con melensaggine, sia un bellissimo termine“, ha dichiarato a riguardo Ligabue in una recente intervista, pubblicata su Vanity Fair.