Sky Arte HD
SkyArte

Zeffirelli e Shakespeare a “confronto”. In quattro incontri

8 gennaio 2018

Dopo l’open day lo scorso mese di ottobre, il Centro internazionale per le arti dello spettacolo – Fondazione Zeffirelli di Firenze avvia fin dai primi giorni del nuovo anno la propria attività. A partire dal 9 gennaio prossimo, infatti, sono in programma 4 nuove conferenze comprese nel ciclo Corrispondenze.
Nella cornice della Sala Musica del Complesso monumentale di San Firenze, a due passi da Palazzo Vecchio, gli appuntamenti curati e tenuti dal critico teatrale, anglista e traduttore Masolino d’Amico indagheranno il rapporto tra Franco Zeffirelli e William Shakespeare, osservandolo da più punti di osservazione.

Ad anticipare i contenuti del ciclo è stato lo stesso d’Amico, indicando che “nei quattro incontri vedremo come Zeffirelli ha interpretato Shakespeare, le cose che ha fatto e che poi altri hanno ripreso, cioè le sue intuizioni. Illustreremo scenografie e materiali, ma punteremo soprattutto sulle innovazioni che lui ha apportato nella rilettura dell’opera di Shakespeare. In Gran Bretagna questi era trattato in maniera aulica e con tanto poesia. Zeffirelli è andato oltre coniugando poesia e modernità”.

Punto di avvio di questo percorso è la pluripremiata trasposizione cinematografica di Romeo e Giulietta, del 1968. Vincitrice di due premi Oscar – furono 4 le candidature complessive, tra cui quella di Zeffirelli per la migliore regia – l’opera adotta la sceneggiatura scritta dallo stesso regista con d’Amico e Franco Brusati.
Per la prima volta, inoltre, i giovani Olivia Hussey e Leonard Whiting (nell’immagine in apertura, tratta dal film) interpretarono i due ruoli chiave, vestendo i panni dei protagonisti fino a quel momento tradizionalmente affidati ad attori già affermati. “In Romeo e Giulietta – ricorda appunto d’Amico, sottolineando gli elementi di novità di quella produzione – ha fatto sì recitare in costume, ma ha scelto attori giovanissimi, portando una ventata di freschezza all’opera. A tal punto che critica e pubblico gli hanno dato ragione: è stato un film di grande successo, ma senza divi, ed ha avuto il merito di avvicinare a Shakespeare tanti giovani, dando nuova popolarità a questi classici”.

La serie proseguirà il 23 gennaio con un’analisi del film Amleto del 1990, per il quale Zeffirelli scelse Mel Gibson e Glenn Close; il 6 febbraio sarà dunque la volta de La bisbetica domata del 1967, diretto da Zeffirelli e interpretato da Richard Burton ed Elizabeth Taylor. La chiusura, il 20 febbraio, è affidata all’incontro dedicato a Molto rumore per nulla, commedia messa in scena da Zeffirelli nel 1965 a Londra che, due anni dopo, nella versione televisiva ebbe proprio d’Amico fra i curatori dell’adattamento.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close