Sky Arte HD
SkyArte

Un Mosè d’Egitto speciale per i 150 anni dalla morte di Rossini

13 marzo 2018

Quello che si celebrerà nei giorni dal 15 al 18 e poi il 20 marzo, al Teatro San Carlo di Napoli, sarà un doppio anniversario: ricorrono in questo mese sia i 200 anni dalla prima rappresentazione del Mosè d’Egitto di Gioacchino Rossini, andata in scena proprio al San Carlo il 5 marzo 1818, sia i 150 anni dalla morte del compositore pesarese, avvenuta a Parigi il 13 novembre 1868.

La quarta gemma fra i nove capolavori che Rossini scrisse nei suoi “anni napoletani” andrà in scena, per l’occasione, con un allestimento molto originale – mai presentato in Italia – della Welsh National Opera, per la regìa di David Pountney.
La mia messinscena sarà molto semplice, astratta”, ha spiegato il celebre regista britannico. “Non ci sarà il deserto, e il Mar Rosso sarà evocato da rimandi iconografici. Il palcoscenico è sormontato da due grandi muri, uno rosso e uno blu, colori molto intensi che fanno pensare alle cromìe di Chagall. La sua pittura ha raffigurato molti soggetti sacri. Ma ho voluto evocare anche Rothko, i cui contrasti di colore rappresentano l’eterna lotta antagonistica tra due forze, tra il bene e il male. Ma chi stabilisce dove è il bene e dove il male? Per me quest’opera ci parla sempre di un conflitto tra politica e religione”.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close