Sky Arte HD
SkyArte

Anche una mostra dedicata a Robert Capa nell’anno di di Palermo Capitale dalla Cultura

23 aprile 2018

A 70 anni dalla fondazione della “mitica” agenzia Magnum Photos, la mostra Robert Capa Retrospective ricostruisce il profilo e l’opera del suo cofondatore.
Nato a Budapest nel 1913 con il nome di Endre Friedmann, Capa è considerato una delle figure più influenti del fotogiornalismo interazionale. In occasione di Palermo Capitale della Cultura 2018, il Real Albergo dei Poveri nel capoluogo siciliano apre le porte a 107 fotografie in bianco e nero, scattate tra il 1936 e il 1954, anno della sua scomparsa a Thai Binh a causa di una mina anti-uomo.

Curata da Denis Curti, la mostra intende ricalcare l’impostazione della rassegna originariamente curata da Richard Whelan ed è strutturata in dodici sezioni espositive. Ciascuna contrassegnata da doppio riferimento a un luogo e a un anno – Copenhagen 1932, Francia 1936-1939, Spagna 1936-1939, Cina 1938, Gran Bretagna e Nord Africa 1941 – 1943, Italia 1943 – 1944 e così via – la mostra è accompagnata da un focus sul genere della ritrattistica.
Gary Cooper, Ernest Hemingway, Ingrid Bergman, Pablo Picasso, Henri Matisse, Truman Capote, John Huston, William Faulkner, Capa stesso insieme a John Steinbeck sono tra le figure che rivivono in questa sezione conclusiva, aprendo un varco nelle amicizie e frequentazioni del fotografo.

Testimone oculare dei 5 grandi conflitti che insaguinarono il mondo nella prima metà del Novecento, l’artista ha svelato tutta la sofferenza, la miseria, il caos e la crudeltà degli scenari di bellici. «Se la tendenza della guerra – ha osservato Richard Whelan, biografo e studioso di Capa – è quella di disumanizzare, la strategia di Capa fu quella di ri-personalizzare la guerra regi­strando singoli gesti ed espressioni del viso. Come scrisse il suo amico John Steinbeck, Capa ‘sapeva di non poter fotografare la guerra, perché è soprattutto un’emozione. Ma è riuscito a fotografare quell’emozione conoscendola da vicino, mostrando l’orrore di un intero popolo attraverso un bambino'”.

Aperta fino al 9 settmbre, la mostra include una sezione speciale dedicata alle fotografie scattate da Capa in Sicilia. Giunto nell’sola nel luglio 1943, imbarcato su una nave che portava rifornimenti e fungeva da copertura per l’avanzata della Settima Armata del generale George D. Patton, fu in grado di vivere – e raccontare – i momenti che seguirono la fine dell’occupazione tedesca.

[Immagine in apertura: Dei motociclisti e una donna percorrono la strada da Nam Dinh a Thai Binh, Indocina (Vietnam), maggio 1954  © Robert Capa © International Center of Photography / Magnum Photos]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close