Sky Arte HD
SkyArte

Un’estate in musica con il Roma Summer Fest

25 maggio 2018

Al via domani, sabato 26 maggio, il Roma Summer Fest promette di vivacizzare le sere estive della Capitale per oltre due mesi, con un programma di concerti dal vivo che si estende infatti fino a settembre.
Il cartellone è quanto mai variegato, concepito per entusiasmare un pubblico dai gusti e dalle età differenti; non mancano le star internazionali di grandissimo richiamo, dalle rocker Patti Smith e Alanis Morrisette ai britannici Arctic Monkeys e Noel Gallagher, fino a nomi leggendari quali Ringo Starr, Jethro Tull, Steven Tyler e tanti altri ancora. Naturalmente, la programmazione del festival romano non trascurerà neppure la musica italiana, il jazz, la musica classica e riserva alcune date di sicuro richiamo anche agli spettacoli in grado di travalicare l’ambito delle sette note.

Saranno gli Arctic Monkeys, freschi di album rilasciato lo scorso 11 maggio, ad aprire ufficialmente il nuovo Festival della Fondazione Musica per Roma, con una doppia data il 26 e 27 maggio. La cavea dell’Auditorium Parco della Musica, così, aprirà al pubblico per la stagione estiva con quasi un mese di anticipo rispetto alle precedenti edizioni.
Altra novità di quest’anno, per la prima volta sarà possibile assistere a 8 concerti rock e pop in piedi nel parterre della cavea (a cominciare da quello degli Arctic Monkeys, per poi proseguire con Noel Gallagher, Snarky Puppy, Hollywood Vampires, Alanis Morissette, Franz Ferdinand / Mogwai, Steven Tyler): la parte del pubblico più scatenata avrà finalmente l’opportunità di ballare e muoversi.

Dopo gli Arctic Monkeys, il programma del Roma Summer Fest proseguirà con l’artista icona che coniuga rock e impegno politico Patti Smith (10 giugno); con l’ex leader degli Oasis Noel Gallagher, ora con i suoi High Flying Birds al seguito (22 giugno); con il grande ritorno di Laura Pergolizzi in arte LP (26 giugno), questa volta per una prima data speciale del tour italiano, che vedrà la partecipazione di Tom Walker.
I leggendari Simple Minds saranno in cavea il 3 luglio, a cui farà seguito l’intramontabile membro dei Beatles, il baronetto Ringo Starr (11 luglio), mentre i Jethro Tull rappresenteranno al meglio il rock progressive (19 luglio) festeggiando i loro 50 anni di carriera e i King Crimson si esibiranno per due sere consecutive, il 22 e 23 luglio. Il 27 luglio un’altra icona vivente, Steven Tyler, suonerà insieme alla band di Nashville The Loving Mary. Sempre ben accolto sarà anche Sting (28 luglio), che suonerà anche alcuni brani del suo ultimo album insieme a Shaggy.
Inutile sottolineare quanto sia alta l’attesa per gli Hollywood Vampires (8 luglio), il gruppo capitanato da Alice Cooper e del quale fanno parte anche Johnny Depp e il chitarrista leader degli Aerosmith, Joe Perry. La sera successiva a Roma arriverà una delle cantautrici contemporanee più amate dal pubblico, Alanis Morissette (9 luglio), mentre il 10 sarà la volta di un evento unico e in esclusiva: il doppio concerto con i Mogwai e Franz Ferdinand. Chiuderà la stagione più lunga di sempre David Crosby (13 settembre) in concerto con cinque amici dall’eccezionale talento come James Raymond, MaiAgan, Steve DiStanislao, Jeff Pevar e Michelle Willis.

Per la musica italiana, a inaugurare il palinsesto sarà l’energia surreale del concerto d’addio di Elio e le Storie Tese (14 giugno), ma nello stesso mese si esibirà anche Luca Barbarossa (29 giugno), mentre a luglio è in arrivo Francesco De Gregori (6 luglio), che fa partire da Roma il suo nuovo tour estivo; ancora, ospiti della Capitale saranno Alex Britti (13 luglio), i Baustelle (31 luglio) e per finire la Bandabardò (1 agosto), gruppo dal piglio rock e folk.
Alla scena musicale romana emergente, la Fondazione Musica per Roma dedicherà una doppia serata speciale, per la rassegna Retape che da due anni riserva ai nuovi talenti. Ospiti dell’edizione 2018 saranno Luca D’Aversa, Mirkoeilcane, Leo Pari, Filippo Gatti, Rho, Germanò, Il Grido, Amir, Assalti Frontali, Cor Veleno, Garçon Fatal, Bombay il 2 giugno, mentre domenica 3 si esibiranno Artù, Lillo e I Vagabondi, Los3Saltos, Ardecore, The Niro, Orchestraccia, Piotta, Bamboo, Wrongonyou, Mésa, Giuda.

Potevano forse mancare anche gli altri generi musicali? Il meglio del jazz contemporaneo sbarcherà nella cavea romana con il pianista Chick Corea (14 luglio) con la Akoustic Band, che riunisce i suoi più cari compagni e fratelli di lunga data; il bassista John Patitucci e il batterista Dave Weckl; Stefano Bollani (16 luglio) che torna al suo grande amore per le sonorità brasiliane con Que Bom; Pat Metheny (20 luglio) affiancato dal fedele batterista Antonio Sanchez, dalla bassista malesiana Linda May Han Oh e dal pianista britannico Gwilym Simcock. Data speciale del Roma Jazz Festival e data unica italiana il 7 luglio con gli Snarky Puppy, la band underground americana più acclamata degli ultimi anni, già vincitrice di Grammy Awards.

Sul fronte della classica, saranno 4 gli appuntamenti con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. UpBeat! (5 luglio) è lo spettacolo-concerto di Igudesman & Joo, il duo di virtuosi anglosassoni che proporrà un viaggio musicale folle e divertente attraverso i generi musicali. Protagonisti insieme a questo duo eccezionale, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia appunto e Stefano Bollani, per l’occasione ospite d’onore. Ritornerà a Roma anche Ezio Bosso insieme all’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, con un programma intitolato Nuovi Mondi (12 luglio), in cui Bosso dirigerà la sua Sinfonia n. 1 “Oceans” e la Sinfonia n. 9 “Dal nuovo mondo” di Dvořák.
Un classico amatissimo dal pubblico, i Carmina Burana di Carl Orff, 24 brani con testo in latino saranno eseguiti dal Coro, Voci bianche, Solisti e Percussioni dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretti da Ciro Visco (18 luglio). L’ultimo appuntamento (26 luglio) avrà come protagonista la giovane esuberante pianista georgiana Khatia Buniatishvili, conosciuta tanto sui palcoscenici mondiali quanto su internet, dove le sue performance spopolano con milioni di visualizzazioni.

Tra gli spettacoli, un cavallo di battaglia dell’Auditorium Parco della Musica, l’appuntamento con Gigi Proietti, giunge alla trentesima replica con le date del 20 e 23 giugno; si esibirà il 17 giugno l’originale formazione dell’Orchestraccia, gruppo itinerante folk-rock romano composto da cantanti e attori; la nona edizione di Ballo! è attesa invece per il 28 giugno, con la partecipazione dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica, del Coro delle Voci Bianche, del Coro Popolare diretto da Anna Rita Colaianni e dei Gruppi di danzatori popolari coordinati da Francesca Trenta. Tra gli ospiti di quest’anno La Pizzica di San Vito dei Normanni e Toni Esposito.