Sky Arte HD
SkyArte

Il Vietnam nelle foto di Ottavia Castellina. Al MAO di Torino

12 giugno 2018

Lo scenario sociale del Vietnam sta cambiando vorticosamente e, di pari passo, anche il ruolo femminile si sta evolvendo. Come ha osservato Sandra Scagliotti, Console onoraria della Repubblica Socialista del Vietnam, “nel quadro dei Paesi dell’Asia Sud-orientale, le donne vietnamite sono quelle che godono di maggior libertà e tutela; da sempre, la società vietnamita si fonda sul ruolo e sull’apporto delle donne; lo attestano l’attuale consistenza della rappresentanza politica (che situa il Paese al primo posto delle “quote rosa” in Asia e ben avanti all’Italia e altri Paesi del Sud-Europa) e una storia leggendaria che, sin dall’antichità di questa millenaria civiltà, accoglie gesta di eroine”.
Proprio sulle figure femminili si è soffermata, con un progetto fotografico dedicato, l’artista Ottavia Castellina, in mostra fino al 2 settembre al MAO di Torino con Màn Vietnam Street Heroines.

Le opere fotografiche esposte in questa occasione testimoniano una delle più significative trasformazioni in atto nel Paese: sono numerose le contadine originarie della zona settentrionale del Vietnam che si trasferiscono nella capitale Hanoi, per lavorare come venditrici ambulanti.
Castellina le ha ritratte in modo estremamente rapido lungo le strade della città, dove le lavoratrici cercano di sfuggire al controllo della polizia locale, dal momento che la legge locale impedisce loro di sostare lungo le vie. Singolare la tecnica messa a punto dall’artista: le immagini sono dipinte a mano, con l’obiettivo di rendere omaggio al celeberrimo fotografo e viaggiatore italo-britannico Felice Beato, tra i primi ad approdare in Oriente mosso dal desiderio di documentarne paesaggi, persone e costumi.
Alla rassegna, inserita nel percorso di visita del museo, è accompagnato il workshop Ritratti in viaggio. La fotografia come luogo di incontro; in programma sabato 30 giugno e domenica 1 luglio 2018, sarà condotto da Laura Manione e dalla stessa Ottavia Castellina.