Sky Arte HD
SkyArte

Il Neorealismo fotografico di Arturo Crescini, sul Lago d’Iseo

18 giugno 2018

Fino a domenica 30 giugno, l’Arsenale di Iseo farà da cornice a una mostra affascinante, dedicata a un talentuoso fotografo italiano del Novecento. Arturo Crescini, il “fotografo ritrovato” riunisce una serie di scatti realizzati fra gli anni Cinquanta e la fine degli anni Sessanta, svelando l’attenzione al dettaglio da parte di Crescini e il suo rapporto empatico con i propri soggetti.

Dai bambini che giocano al ritorno del reduce fino al ballo degli innamorati, i protagonisti delle istantanee di Crescini parlano il linguaggio di un tempo andato, le cui tante sfumature sono colte dall’obiettivo del fotografo scomparso nel 2013.
Alpinista, botanico, escursionista e pubblicista, Crescini si dedicò all’arte dello scatto prediligendo una fotografia di tipo umanistico, fatta di rigore compositivo e formale e di una costante ricerca di autenticità. Poco interessato all’estetica, Crescini intese l’obiettivo come un mezzo per leggere e restituire la vita reale.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close