Sky Arte HD
SkyArte

Ad Arezzo, un viaggio emozionale in 50 anni di design, tecnologia e ricordi

2 luglio 2018

A 100 anni dalla nascita di Achille Castiglioni e in concomitanza con le celebrazioni per il cinquantenario della Fiera Antiquaria di Arezzo, nella città toscana è stata appena inaugurata la mostra iCons.
Quando un oggetto diventa icona? Quando è riconosciuto da molte persone? Quando trascende il tempo?: sono queste alcune delle riflessioni dalle quali la curatrice, l’architetto Roberta Galantino, è partita per mettere a punto un progetto che muta temporaneamente l’aspetto delle rinascimentali stanze del palazzo di Fraternita, nel cuore di Arezzo, grazie a un divertemente allestimento hi-tech.

Sicuramente un oggetto può essere definito iconico quando rappresenta una fase precisa della storia sociale, sia dal punto di vista tecnico che formale che culturale. Dunque un’icona del design non è più ‘soltanto’ un utensile, una poltrona o un mezzo di trasporto, ma un oggetto che assurge a chiave interpretativa del periodo nel quale è stato progettato, realizzato e utilizzato. Molti degli oggetti esposti hanno rappresentato così bene il periodo nel quale sono nati (e in qualche caso sono stati persino anticipatori del proprio tempo) da essere stati utilizzati dai media – cinema, televisione, pubblicità – come fossero dei veri e propri interpreti, tanto da entrare per sempre nell’immaginario collettivo“, ha precisato ancora la curatrice, affiancata in questa iniziativa dal designer Giacomo Semboloni.
Nel percorso espositivo di iCons un particolare rilievo è assegnato all’impiego della tecnologia: sistemi multimediali e di proiezione immersiva invitano i visitatori a prendere parte in moto attivo a questo “viaggio emozionale in 50 anni di design, tecnologia e ricordi“.
Tra i pezzi esposti anche radio a valvola, walkman, televisioni con il tubo catodico, flipper, consolle e altri iconici oggetti messi a disposizione dai negozi e dagli antiquari di Arezzo; presenti anche materiali scientifici concessi per l’occasione dal Museo dei Mezzi di comunicazione della città toscana.