Sky Arte HD
SkyArte

GaiaMotherTree, la colossale installazione di Ernesto Neto a Zurigo

9 luglio 2018

Ernesto Neto, GaiaMotherTree, 2018, veduta dell'installazione nella stazione di Zurigo Centrale. Image by Mark Niedermann © fondation beyeler

C’è tempo fino al 29 luglio prossimo per ammirare con i propri occhi GaiaMotherTree, la monumentale installazione realizzata dall’artista brasiliano Ernesto Neto all’interno della principale stazione ferroviaria di Zurigo. Invitato dalla Fondation Beyeler a concepire un  intervento per gli spazi pubblici di questo frequentato nodo ferroviario, Neto ha realizzato una scultura alta più di 20 metri, composta da nastri multicolore in cotone lavorati all’uncinetto e annodati a mano. La struttura è stabilizzata poi da sacchi che ricordano delle monumentali gocce, contenenti centinaia di chili di spezie profumate come curcuma, cumino e pepe nero.

L’opera, i cui lavori di realizzazione sono complessivamente durati oltre quattro anni, è stata fisicamente tradotta in realtà da un team di 27 persone, che hanno contribuito a dare concretezza alle idee dell’artista.
Sarebbe in effetti riduttivo considerare GaiaMotherTree come una scultura “tradizionale”: ai piedi di questo grande “albero”, la strategica presenza di alcune sedute ne estende il potenziale. Il risultato è uno spazio votato alla socialità e alla sosta, che rende viaggiatori e visitatori parte integrante di un lavoro che è un invito a riflettere sulle urgenze ambientali del nostro tempo.

Proprio quest’ultimo è tema al centro del programma di eventi messo a punto per l’intero periodo di apertura: con iniziative anche per i più piccoli, la rassegna prevede musica, meditazioni, workshop, riflessioni sull’opera e conferenze al di sotto delle “fronde” di GaiaMotherTree.

L’intervento a Zurigo è associato a una personale in corso nella sede della Fondation Beyeler. Neto, uno tra i maggiori artisti contemporanei del suo Paese, che dal 2013 ha scelto di vivere e operare a stretto contatto con la popolazione indigena Huni Kuin, nella porzione di foresta amazzonica al confine tra Perù e Brasile, è infatti il protagonista assoluto di una grande monografica a Basilea.
In mostra, una selezione di sculture realizzate tra gli anni Ottanta e Novanta; risale invece al 2017 Altar for a plant, l’opera posizionata nel parco del museo.

[Immagine in apertura: Ernesto Neto, GaiaMotherTree, 2018, veduta dell’installazione nella stazione di Zurigo Centrale. Image by Mark Niedermann © Fondation Beyeler]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close