Sky Arte HD
SkyArte

Ivrea, la città industriale di Olivetti, diventa sito UNESCO

3 luglio 2018

È espressione di “una visione moderna del rapporto tra produzione industriale e architettura” e, proprio per questo, “Ivrea Città Industriale del XX Secolo” è stata considerata meritevole dell’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. La decisione, presa nel corso dei lavori del 42esimo Comitato del Patrimonio Mondiale – in corso a Manama, in Bahrein, fino al 4 luglio – rafforza ulteriormente l’immagine dell’Italia nella prestigiosa lista dell’UNESCO, fissando a quota 54 i siti nazionali presenti.

Come già avvenuto con Crespi d’Adda, iscritto nel 1995, il riconoscimento assegnato al complesso architettonico intende sottolineare il contributo della dimensione industriale nel percorso di sviluppo e crescita del Paese. “Sviluppata come banco di prova Olivetti, produttore di macchine da scrivere, calcolatrici meccaniche e computer da ufficio, comprende una grande fabbrica e edifici progettati per servire l’amministrazione e i servizi sociali, così come le unità residenziali. Progettato da importanti urbanisti e architetti italiani, per lo più tra il 1930 e il 1960, questo complesso architettonico riflette le idee del Movimento Comunità”, indica la presentazione ufficiale del nuovo sito UNESCO; definizione che, come noto, costituisce l’incarnazione di un modello di società: sarebbe riduttivo considerarla solo un piano di sviluppo urbanistico e architettonico.

Mente dell’intera operazione fu Adriano Olivetti stesso, tra i protagonisti della ricostruzione, economica e morale, dell’Italia, dopo la Seconda Guerra Mondiale: a lui si deve, tra le altre intuizioni e proposte, l’idea di oltrepassare la consueta definizione della fabbrica come luogo per la produzione, estendendone il ruolo verso valori più nobili. Estesa per circa 72mila ettari, la “città industriale” è formata da 27 beni tra edifici e complessi architettonici, di proprietà privata, innestati nel tessuto urbano di riferimento e ad esso integrati nell’arco di un trentennio.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close