Sky Arte HD
SkyArte

Josef Sudek e l’immagine di Praga, all’indomani della guerra

18 luglio 2018

Josef Sudek, Praga 1945

Con Josef Sudek: Topografia delle macerie. Praga 1945 il Museo di Roma in Trastevere prova a ricostruire una delle pagine più tragiche nella storia recente della capitale ceca. Per farlo, si affida allo sguardo di un’autentica leggenda della fotografia: scomparso nel 1976, Sudek realizzò un dolente – e poetico – lavoro di documentazione dei danni inferti alla città nel corso della seconda guerra mondiale.
Nel 1945, al termine del drammatico conflitto, con la sua strumentazione Sudek attraversò strade, piazze e parchi, soffermandosi su edifici e monumenti. Il risultato di questo lavoro confluì in un repertorio di quasi 400 fotografie, allo stesso tempo documentarie e artistiche, che costituisce un corpus autonomo all’interno della sua poderosa opera.

Fino al 7 ottobre prossimo, 40 di queste immagini, estratte dall’archivio di Sudek e presentate sotto forma di nuovi ingrandimenti, sono esposte nella Capitale. Edifici distrutti e monumenti smantellati si accompagnano a viste che includono i sistemi di protezione antincendio e antiaerei destinati a trasformare, per molti anni, l’aspetto degli spazi pubblici cittadini praghesi.

La mostra, che nasce da una collezione di negativi conservati presso l’Istituto di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca a Praga, è compresa nel cosiddetto Sudek Project – denominazione ridotta di Josef Sudek e la documentazione fotografica delle opere d’arte: dall’archivio privato alla rappresentazione dei beni culturali: un’iniziativa culturale sostenuta dal Ministero della Cultura della Repubblica Ceca nell’ambito del Programma di Ricerca Applicata e dello Sviluppo dell’identità nazionale e culturale (NAKI II).

Nel corso della sua carriera, Sudek ha realizzato diverse decine di migliaia di fotografie, attualmente conservate in collezioni pubbliche e private in tutto il mondo. Nature morte, finestre, giardini, immagini fantasiose, paesaggi e la stessa città di Praga sono tra i suoi soggetti ricorrenti. L’artista, che dagli anni Venti agli anni Quaranta del Novecento si dedicò all’attività commerciale, ritrasse anche contesti naturali, come la foresta della regione dei Beskydy, o spazi destinati al lavoro, quale la zona industriale di Mostecko.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close