Sky Arte HD
SkyArte

La proposta di Bjarke Ingels per il prossimo Burning Man

8 luglio 2018

Bjarke Ingels the ORB Burning Man Black Rock City Nevada

C’è un ambito della progettazione, del rapporto tra essere umano e paesaggio che Bjarke Ingels non si senta stimolato ad affrontare? Dopo l’ultima proposta, di cui vi stiamo per parlare, è davvero difficile trovare un settore in cui il rivoluzionario architetto dello studio BIG non abbia detto la sua, almeno a livello di proposta.

Si tratta ancora di un’idea, infatti, ma in rete già sono diversi gli appassionati pronti a finanziare – tramite crowdfunding sulla piattaforma indiegogo – The ORB: una perfetta, gigantesca sfera riflettente – con un diametro di circa 30 metri e le dimensioni che corrispondono a un 500millesimo della nostra Terra.
E se questi dati suonano già stupefacenti, aspettate a scoprire la collocazione che il visionario progetto di Ingels – stavolta in collaborazione con Jakob Lange – dovrebbe avere: il deserto Black Rock in Nevada. Ovvero, la “sede” – dal 26 agosto al 3 settembre – della più effimera eppure eterodossa città del mondo. Parliamo di Black Rock City, l’accampamento fatto di installazioni e case futuristiche che ogni anno si forma in occasione del leggendario Burning Man.

Bjarke Ingels the ORB Burning Man Black Rock City Nevada

Il contributo di Ingels e socio al Burning Man 2018 risulta quasi “innocuo”, in confronto ad alcune bizzarre strutture che sono state a più riprese documentate nel deserto statunitense.
In realtà, al di là dello strepitoso impatto visivo – perliamo pur sempre di un globo metallico di 30 metri, che si mantiene sospeso dal suolo grazie a un albero maestro! – The ORB è proposto come un “dispositivo per l’orientamento” dei tanti partecipanti all’evento: visibile da ogni angolazione e da lunghe distanze, costituirebbe il perfetto “segnale” per indicare la strada ai “burners” in arrivo nel deserto.

Questo “tributo alla Madre Terra e all’espressione umana“, aggiungono i progettisti, non lascerebbe in ogni caso traccia di sé al termine del Burning Man, essendo stato concepito per essere facilmente gonfiabile e sgonfiabile.
Anche se, ci tocca ammetterlo, dispiacerebbe non poco veder svanire un’installazione simile, come uno dei più mirabolanti miraggi che il deserto abbia mai prodotto.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close