Sky Arte HD
SkyArte

Un grande Jan Fabre conquista due città della Sicilia

9 luglio 2018

09Si intitola Jan Fabre – Ecstasy & Oracles la mostra che, fino al 4 novembre, animerà le città siciliane di Agrigento e Monreale con una ricca selezione di lavori dell’artista belga, allestiti in cornici che spaziano dal sito archeologico ai luoghi di culto, fino ai monumenti e alle biblioteche.
Curata da Joanna De Vos e Melania Rossi, la rassegna figura tra i Manifesta 12/CollateralEvents e tra gli eventi di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018, riunendo oltre 50 opere realizzate fra il 1982 e il 2016.

Disegni a matita e penna a sfera, sculture in cera e bronzo, film che documentano performance e mosaici fatti di corazze di scarabei: sono solo alcuni degli interventi presentati, in una sintesi esaustiva delle tematiche care a Fabre. Nel Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, l’artista prende in esame il tema degli oracoli, innescando un dialogo con il mondo classico evocato da opere come L’uomo che dirige le stelle o L’uomo che dà il fuoco.

Nei pressi del Tempio della Concordia trova visibilità Schande übers Ganze Erdenreich!, performance inedita presentata su cinque schermi e ideata ad hoc, mentre all’interno della Villa Aurea sono esposti disegni, film di performance e sculture definite Thinking models ispirate al tema della tartaruga. Proprio da qui prendono le mosse anche molte delle opere in mostra ad Agrigento, in tre luoghi d’eccezione ‒ la Biblioteca Lucchesiana, la Chiesa di Santa Maria dei Greci e il Chiostro del Monastero di Santo Spirito, mentre nel cortile esterno del Museo Archeologico Regionale “Pietro Griffo” svetta un’installazione formata da due busti bronzei che ritraggono Fabre intento a osservare se stesso, con delle corna di capra.

Il ciclo inarrestabile di vita, morte e rinascita, cui rimanda il motivo dello scarabeo gioiello, è protagonista delle opere allestite a Monreale, in location altrettanto suggestive come il Dormitorio dei Benedettini, il Chiostro di Santa Maria Nuova e la Cattedrale di Santa Maria Nuova; ospite, quest’ultima, de L’uomo che porta la croce, scultura in bronzo a grandezza naturale che raffigura l’artista mentre tiene in bilico una croce di quattro metri sul palmo della mano.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close