Sky Arte HD
SkyArte

Le torri “a misura d’uomo” fotografate da Alex Nebot

17 settembre 2018

Alex Nebot Castell Catalogna

Le sue origini sono antiche e ben radicate nel tessuto culturale della Catalogna. Stiamo parlando del “castell”, una disciplina praticata fin dall’Ottocento che è divenuta ben presto sport regionale, attirando sempre più partecipanti.
Lo scopo è semplice e scenografico: dare vita a delle torri umane, frutto della collaborazione di una moltitudine di individui che, sorreggendosi l’un l’altro, compongono la vetta del “castell”.

Anche il fotografo Alex Nebot è rimasto colpito da questo sport, al punto da farlo diventare soggetto dei propri scatti e non solo. L’artista infatti è entrato addirittura a far parte de El Nens del Vendrell, uno dei gruppi che tuttora, durante festival e ricorrenze, si cimentano nel “castell”, vivendo così da vicino un’esperienza davvero suggestiva.

Come si intuisce dagli scatti di Nebot, la base della torre è formata dalla cosiddetta “pinya”, un anello concentrico di persone che garantisce la stabilità della struttura. A essa si aggiungono altri due livelli, “foire” e “manilles”, a partire da quali si sviluppa il “tronc”, la torre vera e propria. Spetta a un gruppo di bambini raggiungere il “pom de dalt”, la sommità, che può sfiorare anche i dieci metri d’altezza.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close