Sky Arte HD
SkyArte

Alla riscoperta di Max Beckmann, l’espressionista odiato dai nazisti

7 novembre 2018

Max Beckmann Siesta

C’è tempo fino al 27 gennaio per visitare l’antologica che il Museo d’arte di Mendrisio dedica a uno dei Maestri dell’arte moderna. Con Max Beckmann. Dipinti, sculture, acquerelli, disegni e grafiche, infatti, l’istituzione con sede nel Canton Ticino apre un varco nella produzione dell’artista originario di Lipsia, costretto a percorrere la strada dell’esilio a partire dal 1937, quando i suoi lavori furono marchiati come “arte degenerata”.

Complessivamente intesi, i 30 dipinti, i 15 acquarelli, le 80 grafiche e le 3 sculture di questo progetto espositivo permetteranno di riscoprirne il linguaggio e lo stile a più di 20 anni di distanza dall’importante dedicata alla sua figura promossa dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Resa possibile grazie al sostegno della famiglia e al contributo di Siegfried Gohr – tra i massimi studiosi di Max Beckmann – l’antologica costituisce un’occasione privilegiata – quanto rara – per cogliere le peculiarità della sua produzione grafica; si tratta di lavori concepiti in special modo tra il 1917 e il 1925 e dopo la Seconda Guerra Mondiale.

A testimonianza della ricchezza e complessità della sua opera, il volume pubblicato parallelamente alla rassegna e curato dallo stesso Gohr delinea una proposta di lettura fin qui inedita. L’autore, infatti, prende in esame presenze ricorrenti nei suoi quadri – gli specchi, gli strumenti musicali, i libri, i fiori e le piante – individuando in questi elementi un valore centrale per comprendere il pensiero dell’artista: ciascuno di essi è infatti inteso come “parte di un complesso di simboli“.

[Immagine in apertura: Max Beckmann, Siesta, 1924-1934. Collezione privata © 2018, ProLitteris, Zurich]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close