Sky Arte HD
SkyArte

La British Library di Londra espone tre straordinari codici di Leonardo

5 dicembre 2018

Leonardo da Vinci, Codice Leicester: studi sulla riflessione dei raggi solari dalla Terra alla Luna

Non solo l’Italia, con Firenze e Milano come capofila, ma anche il resto del mondo “scalda i motori” in vista delle celebrazioni a 500 anni dalla scomparsa di Leonardo da Vinci. Nel novero dei progetti espositivi che saranno promossi nel corso del 2019 va ad aggiungersi anche la grande mostra della British Library di Londra, della quale sarà protagonista un manoscritto di straordinario rilievo. Acquistato da Bill Gates nel 1994, per oltre 30 milioni di dollari, il Codice Leicester sarà infatti mostrato per la volta nel Regno Unito il prossimo anno in questa occasione.

Il prezioso manoscritto passerà quindi da Firenze, dove è attualmente esposto in occasione della mostra Il Codice Leicester di Leonardo da Vinci. L’Acqua Microscopio della Natura, visitabile fino al 20 gennaio 2019 alla Galleria degli Uffizi, alla capitale inglese. Come ha annunciato Roly Keating, amministratore delegato dell’importante biblioteca, il manoscritto che documenta la sete di Leonardo per l’elemento acqua verrà eccezionalmente affiancato da altre due opere. La “straordinaria riunione”, della quale sono protagonisti “tre documenti straordinari e molto famosi” sarà resa possibile grazie all’esposizione congiunta del Codice Leicester, del Codex Forster di proprietà del Victoria and Albert Museum e del Codex Arundel, appartenente al patrimonio della British Library.

Oltre ai contenuti di eccezionale valore, che testimoniano l’acutezza della mente di Leonardo, l’incessante flusso di pensieri, idee, progetti e visioni che ne contraddistinse l’esistenza, il Codice Leicester vanta una storia affascinante anche in epoche più recenti. Prima dell’ingresso nel patrimonio di Gates, infatti, il volume era di proprietà del magnate americano del petrolio Armand Hammer, che lo aveva acquistato nel 1980. Il nome con il quale è attualmente conosciuto si deve al periodo in cui appartenne alla famiglia Leicester: Thomas Coke, divenuto in seguito conte di Leicester, lo acquistò nel corso del suo grande tour in giro per l’Europa nel 1719.
Dal punto vista strettamente contenutistico, circa un terzo del manoscritto fa riferimento a disegni e testi relativi all’acqua e, come ha osservato Paolo Galluzzi, curatore della mostra fiorentina e del Museo Galileo di Firenze, attesta l’interesse conoscitivo di Leonardo verso questo elemento “per i suoi movimenti vorticosi, per la forza plasmatrice e la potenza distruttrice che la caratterizzano. Con continui rimandi a Firenze, al suo impianto urbano e al suo fiume, risorsa e al tempo stesso minaccia per le comunità che ne popolano le rive“.

La mostra Leonardo da Vinci: A Mind in Motion sarà aperta dal 7 giugno all’ 8 settembre 2019.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close