Sky Arte HD
SkyArte

Speciale Leonardo da Vinci alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano

19 dicembre 2018

Leonardo da Vinci (1452-1519), Codice Atlantico (Codex Atlanticus), foglio 199 verso. In alto, planimetria della città di Milano con l'indicazione delle sue porte; in basso, veduta a volo di uccello della città di Milano.

Correva l’anno 1637, quando il conte Galeazzo Arconati, esponente della migliore aristocrazia milanese, donò alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano il Codice Atlantico, tra le più rilevanti raccolte di testi e disegni autografati di Leonardo da Vinci. Oggi, a 500 anni dalla scomparsa dell’artista e scienziato toscano, il Codice è al centro di un esteso progetto espositivo, in più tempi.
Una selezione dei 1119 fogli che compongono l’opera – circa 1750 i disegni presenti – viene eccezionalmente esposta nella biblioteca milanese in occasione della mostra I segreti del Codice Atlantico. Leonardo all’Ambrosiana.

Curata dal Collegio dei Dottori della Veneranda Biblioteca Ambrosiana, la prima parte della rassegna – appena inaugurata e visitabile fino al 17 marzo 2019 – si focalizza sui disegni di Leonardo legati in modo specifico alla città di Milano.
Appartengono a questo ambito la celebre pianta della città, con la visione del centro di Milano a volo di uccello, lo studio per il naviglio di San Cristoforo, il progetto per il monumento equestre in onore del duca Francesco Sforza e gli studi per il tiburio del Duomo, studi prospettici e altri progetti di carattere architettonico-militare.

Dal 19 marzo al 16 giugno 2019 la mostra svelerà invece altri aspetti del “tesoro leonardiano dell’Ambrosiana”: da Milano, infatti, il focus si sposta sugli studi di ingegneria civile, tra congegni idraulici, macchine per corde, per l’attività tessile, per la produzione di strumenti meccanici, punzonatrici e girarrosti automatici.
In estate, a partire dal 18 giugno, sarà la volta di Leonardo in Francia. Disegni di epoca francese dal Codice Atlantico; curata da Pietro C. Marani, questa terza mostra prende in esame gli ultimi anni di attività del Maestro, accendendo i riflettori sui 23 fogli del Codice Atlantico databili al soggiorno francese di Leonardo, presso la corte di Francesco I.

A chiudere questo speciale progetto espositivo sarà Leonardo e il suo lascito: gli artisti e le tecniche; con la curatela di Benedetta Spadaccini, questa quarta mostra – dal 17 settembre 2019 al 12 gennaio 2020 – si concentra sui disegni di Leonardo e dagli artisti della sua cerchia, rileggendoli secondo due linee di studio.
La prima – ha anticipato a riguardo Benedetta Spadaccini – presenta le diverse tecniche esecutive, dalle punte metalliche alle matite e dall’inchiostro ai gessetti colorati, secondo un percorso cronologico e storico-critico che mette in evidenza le singole personalità degli artisti coinvolti. La seconda linea di ricerca si basa sulle indagini diagnostiche non invasive eseguite in situ, che saranno presentate all’interno del percorso espositivo mediante la presenza di supporti quali macrofotografie e video”.

[Immagine in apertura: Leonardo da Vinci (1452-1519), Codice Atlantico (Codex Atlanticus), foglio 199 verso, dettaglio con la veduta a volo di uccello della città di Milano]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close