Sky Arte HD
SkyArte

Gli “sguardi differenti” di tre fotografi in Friuli Venezia Giulia

27 giugno 2019

Martín Weber, Quiero ser policía. To be a policewoman. Maclovio Rojas. Mexico

Giulia Iacolutti, classe 1985 e una predilezione per i progetti tra l’America Latina e l’Italia; Giorgio Lotti, classe 1937 e decine di reportage in Medio ed Estremo Oriente realizzati nell’arco di 40 anni di attività; Martín Weber, classe 1968 e vincitore Great Prize on Installations and Alternative Media al National Salon in Argentina, nel 2016: sono i tre “sguardi differenti” della 33esima edizione di Friuli Venezia Giulia Fotografia.
Promossa dal CRAF – Centro Ricerca e Archiviazione della Fotografia, la rassegna punta a raccontare il nostro mondo attraverso il talento fotografico “differente” di autori in grado di convogliare l’attenzione oltre le più frequenti narrazioni.

La manifestazione è associata a tre mostre personali, che sono state inaugurate o verranno aperte prossimamente tra Spilimbergo e San Vito al Tagliamento. Nel caso di Giulia Iacolutti, l’esposizione inaugurata lo scorso 22 giugno è la prima mostra italiana: in questa occasione espone il suo progetto Jannah. Il giardino islamico del Chiapas, ripercorrendo la sua esperienza a stretto contatto con una piccola comunità isolata del Messico – alla Antiche Carceri di San Vito al Tagliamento, fino all’1° settembre.
Palazzo Tadea, a Spilimbergo, fa invece da cornice agli altri due progetti espositivi. Il fotografo argentino Martín Weber presenterà – dal prossimo 29 giugno e fino al 18 agosto – la sua Mapa de Sueños Latinoamericanos, mostrando gli esiti del suo toccante e poetico viaggio in America Latina, nel corso del quale ha chiesto a centinaia di persone incontrate di fissare su una piccola lavagna nera un desiderio o un sogno irrealizzato.
Dal continente americano, l’attenzione si sposta verso l’Asia con Cina Cina Cina, la personale che riunisce settanta fotografie – a colori e in bianco e nero – di Giorgio Lotti, realizzate fra il 1974 e il 2002: quest’ultima mostra sarà visitabile dal 24 agosto al 22 settembre.

[Immagine in apertura: Martín Weber, Quiero ser policía. To be a policewoman. Maclovio Rojas. Mexico]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close