Sky Arte HD
SkyArte

A Londra, Regent’s Park torna ad accogliere Frieze Sculpture

5 luglio 2019

Robert Indiana, One Through Zero, 1980-2002, Waddington Custot, Frieze Sculpture 2019

Tracey Emin, Lars Fisk, Robert Indiana, Vik Muniz, Jaume Plensa, Tom Sachs sono tra i protagonisti dell’edizione 2019 di Frieze Sculpture, la collettiva dedicata alla scultura che contribuirà ad animera l’estate di Londra.
Selezionati da Clare Lilley – direttore del Programme at Yorkshire Sculpture Park – attraverso i loro lavori questi e gli altri artisti proposti delineano una panoramica dell’arte plastica internazionale, rappresentando Paesi, stili e tecniche eterogenei.

L’appuntamento rinsalda il legame tra il Regent’s Park di Londra e l’arte, trasformando per tutta l’estate questo luogo in una tappa imperdibile degli art lovers di passaggio – o di base – nella capitale inglese.
D’altronde, lo ha rimarcato la stessa direttrice Jo Stella-Sawicka: “Frieze Sculpture è diventata una meta annuale imperdibile per i londinesi come per gli amanti dell’arte internazionale. The English Gardens sarà ancora una volta un museo senza pareti, accessibile a tutti“.

Il percorso espositivo, visitabile gratuitamente fino al 6 ottobre prossimo, include opere di dimensioni monumentali, lavori interattivi e un importante intervento del Maestro della Pop Art Robert Indiana, scomparso nel maggio 2018 e noto il tutto il mondo per l’iconica scultura raffigurante la parola LOVE. I visitatori di Frieze Sculpture riconosceranno il suo iconico “marchio” nella serie numerica realizzata in acciaio Corten, nella quale tutti i numeri da 0 a 9 sono stati riprodotti in grande formato e disposti a intervalli costanti, formando una circonferenza.

Si deve allo sculture newyorkese Tom Sachs l’opera che raffigura un personaggio del libro per bambini My Melody in una maxi versione, alta 3 metri. Dell’artista britannica Tracey Emin è invece stata scelta When I Sleep, nella quale una figura bronzea appare al tempo stesso toccante e spaventosa. La dimensione dell’infanzia e il tema della memoria si combinano nella riproduzione, a grandezza naturale di una macchinina Jaguar E-Type Matchbox del 1973 eseguita dall’artista brasiliana Vik Muniz.

[Immagine in apertura: Robert Indiana, One Through Zero, 1980-2002, Waddington Custot, Frieze Sculpture 2019]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close