Sky Arte HD
SkyArte

La Madonna della Gatta di Barocci di nuovo esposta a Palazzo Pitti

25 luglio 2019

Federico Barocci, Madonna della gatta, 1598, Palazzo Pitti, Firenze

A qualche giorno dal clamoroso rientro a Firenze, dopo un’assenza durata 75 anni, dell’olio su tela Vaso di Fiori dipinto da Jan van Huysum tra il 1720 e il 1730 e trafugato dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale, si torna a parlare di Palazzo Pitti in relazione a un’altra novità. I visitatori che si apprestano a varcare la soglia della Galleria Palatina potranno ammirare sia il dipinto rientrato in Italia – che resterà esposto, per circa 4 mesi, in una grande teca nella Sala della Musica – sia un importante lavoro di Federico Barocci, artista urbinate del Cinquecento, recentemente reinserito nel percorso.

Si tratta de La Madonna della Gatta, risalente al 1598 circa, che da qualche giorno viene presentato nella sala di Berenice della Galleria Palatina, accanto ad altre opere di Barocci. Il dipinto mancava dalla pubblica esposizione da più di dieci anni, anche se la sua storia è profondamente legata con quella della collezione conservata a Palazzo Pitti. Al suo arrivo a Firenze nel 1631 – tra i beni dell’eredità di Vittoria della Rovere, per effetto del matrimonio con Ferdinando II de’ Medici – venne infatti collocato proprio al primo piano del nobile Palazzo, nello stesso luogo in cui è tornato ora visibile, all’interno dell’appartamento d’inverno.

Tale operazione è compresa nella “strategia di valorizzazione di Palazzo Pitti“, come ha precisato il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt, aggiungendo che tale intervento punta a rendere “evidente l’importanza dello stile di Federico Barocci per la pittura seicentesca, elemento che si nota particolarmente grazie all’esposizione accanto alla Adorazione dei Magi di Luca Giordano ed anche alla presenza di dipinti seicenteschi della scuola fiorentina“.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close