Sky Arte HD
SkyArte

Tracce di memoria. Remo Bianco a Milano

25 agosto 2019

Tra gli artisti più multiformi e sperimentali del secondo Novecento, Remo Bianco è stato un pittore e scultore italiano audace come pochi, capace di attraversare tecniche e stili con piglio onnivoro e anticipatore. A questo “ricercatore solitario” – come amava definirsi – e autore prolifico, il Museo del Novecento di Milano sta dedicando un’importante mostra.

Curata da Lorella Giudici e aperta fino al 6 ottobre, Remo Bianco – Le impronte della memoria ripercorre la vita e il lavoro dell’artista, raccogliendo oltre settanta dipinti e sculture esemplificative del suo lungo percorso creativo.

Disposte negli spazi dell’ultimo piano del museo, vi sono alcune delle opere più rappresentative dell’autore milanese: dalle Impronte – calchi in gomma di oggetti comuni realizzati nei primi degli anni Cinquanta – alla serie delle Testimonianze – frammenti di oggetti quotidiani racchiusi in bustine di plastica allineate. E poi ancora i Collages, le opere 3D e i Quadri Parlanti – tele sul cui retro sono posizionati amplificatori che emettono frasi dell’artista registrare e rivolte allo spettatore. Un percorso lungo e cangiante, che abbraccia circa quarant’anni di ricerca artistica tra le più originali del secolo scorso.

[Remo Bianco, 3D – Senza titolo, 1970 ca. Collezione Koelliker – via Artribune.com]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close