Sky Arte HD
SkyArte

Alexander Rodchenko – Revolution in Photography

REAL ALBERGO DEI POVERI - dal 18/06/2018 al 23/09/2018

REAL ALBERGO DEI POVERI

Corso Calatafimi 217 Palermo Italia

Info box

Generi: fotografia, personale

Autori: Alexander Rodchenko

È il 1928 e tutto comincia da una Leica: Alexander Rodchenko ha 37 anni ed è convinto che tutto dipenda dall’angolazione. È l’unico modo per bilanciare l’immagine piatta e consolidata di una società, quella russa, che tende a massificare ogni sospiro. Rodchenko nel suo campo è stato un rivoluzionario, il primo grande fotografo russo antecedente alla Guerra Fredda.È il 1928 e tutto comincia da una Leica: Alexander Rodchenko ha 37 anni ed è convinto che tutto dipenda dall’angolazione. È l’unico modo per bilanciare l’immagine piatta e consolidata di una società, quella russa, che tende a massificare ogni sospiro. Rodchenko nel suo campo è stato un rivoluzionario, il primo grande fotografo russo antecedente alla Guerra Fredda.

Grazie al lavoro della direttrice del Museo di Arti visive di Mosca, Olga Sviblova e al contributo della direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Mosca, Olga Strada, giunge a Palermo una selezione di 150 fotografie di Rodchenko, dai negativi originali degli anni Venti e Trenta.

“Alexander Rodchenko. Revolution in Photography” si inaugura lunedì 18 giugno alle 18,30 all’Albergo dei Poveri, a Palermo – che la ospiterà fino al 23 settembre – promossa dall’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, coprodotta da Civita Arte e da Bridge Consulting, curata della State-Financed Institution of Culture and Education of the City of Moscow e di Multimedia Complex of ActualArts. Nel cartellone di Palermo Capitale Italiana della Cultura.

PREVIEW STAMPA E PRESENTAZIONE: lunedì 18 giugno alle 11 all’Albergo dei Poveri. Saranno presenti il Dirigente Generale dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, Sergio Alessandro; Alberto Rossetti, Ceo di Civita e Gabriele Accornero, Ceo di Bridge Consulting; la direttrice del Museo di Arti visive di Mosca, Olga Sviblova e la direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Mosca, Olga Strada. Seguirà una visita guidata alla mostra.