Sky Arte HD
SkyArte

Ron Arad – Reverse

PINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI - LINGOTTO - dal 19/12/2013 al 30/03/2014
Ron Arad - Reverse

PINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI - LINGOTTO

Via Nizza 230 Torino Italia
+39 0110062008
segreteria@pinacoteca-agnelli.it

Info box

Generi: design, personale

Autori: Ron Arad

In Reverse si concentra su un importante nuovo progetto, presentato per la prima volta quest’anno al Design Museum di Holon, iconico edificio progettato da Arad a Tel Aviv, che, attraverso esperimenti fisici e simulazioni digitali, esplora il modo in cui le carrozzerie delle automobili, soprattutto Fiat 500, si comportano sotto compressione.La Pinacoteca Agnelli è orgogliosa di annunciare In Reverse, la mostra dell’artista, designer e architetto di fama internazionale Ron Arad che si terrà a Torino dal 20 dicembre 2013 al 30 marzo 2014.
Arad rimane uno dei designer più influenti ed enigmatici al mondo e, nel corso degli ultimi 30 anni, ha fornito un contributo di importanza fondamentale al mondo dell’arte, del design e dell’architettura. Assurto a fama internazionale con la sua “Rover chair” e la libreria a serpente “Bookworm”, Arad ha collaborato con marchi importantissimi quali Alessi, Vitra, Moroso, Swarovski e, oltre a tanti altri progetti acclamati dalla critica, ha progettato il negozio di Yohji Yamamoto di Tokyo. Arad ha esposto le sue opere al Centro Pompidou di Parigi, al MOMA di New York e al Barbican di Londra.

In Reverse si concentra su un importante nuovo progetto, presentato per la prima volta quest’anno al Design Museum di Holon, iconico edificio progettato da Arad a Tel Aviv, che, attraverso esperimenti fisici e simulazioni digitali, esplora il modo in cui le carrozzerie delle automobili, soprattutto Fiat 500, si comportano sotto compressione.

A questo caleidoscopio di colori e materiali unico al mondo, non poteva certo mancare Fiat – main sponsor dell’evento – con la sua iconica 500, confermando la propria attenzione al mondo dell’Arte e del Design, un ‘territorio’ di comunicazione dove mostra di trovarsi a proprio agio.

Sulle pareti bianche degli spazi disegnati da Renzo Piano al 4o piano della Pinacoteca Agnelli, Arad installerà “Dried Flowers” (2013): sei Fiat 500 schiacciate e appiattite in modo da togliere il senso della profondità come in un cartone animato o nel disegno di un bambino. I veicoli schiacciati circonderanno un telaio di formatura in legno ricurvo, uno stampo utilizzato per sagomare e adattare i pannelli metallici della 500 preso in prestito dall’Archivio e Museo Fiat. A fianco, Arad presenterà “Roddy Giacosa (2013)”, una nuova scultura creata posizionando centinaia di barre in acciaio inox lucido su un’armatura metallica con la forma di una Fiat 500. Ogni sezione sagomata riprende la linea dei pannelli della vettura e i componenti si integrano per formarne la carrozzeria. Sarà in mostra anche lo stampo utilizzato per quest’opera.
Lungo le pareti che espongono le Fiat, si potrà ammirare un gruppo di opere di Arad. Si tratta principalmente di sedie in acciaio, che mostrano il suo percorso di sperimentazione con questo materiale dai suoi primi lavori degli anni ’80, a numerosi oggetti schiacciati, come un’automobilina della polizia che trovò quarant’anni fa in una strada di Tel Aviv, e di altri studi e prove, compreso un portabottiglie appiattito da un rullo compressore.
In mostra anche “Slow Outburst (2013)”, la simulazione digitale di Arad del processo di schiacciamento del modello più recente della Fiat 500, così come una scultura ricavata da un fotogramma del film “Drop (2013)” realizzato con una tecnica di stampa in 3D. Stampe digitali su carta (“Lets Drop It, OK? (2013)”) catturano i risultati di compressioni digitali simulate di Roddy Giacosa.

The Pinacoteca Agnelli is proud to announce In Reverse, the exhibition by the internationally renowned artist, designer and architect Ron Arad.
Arad remains one of the world’s most influential and enigmatic designers and over the last 30 years has made a pivotal contribution to the art, design and architecture worlds. Brought to international fame by his Rover chair and Bookworm bookshelf, Arad has since collaborated with leading brands such as Alessi, Vitra, Moroso, Swarovski and Kenzo and designed Yohji Yamamoto’s Tokyo flagship amongst many other critically acclaimed projects. Arad has presented solo exhibitions at Centre Pompidou in Paris, MOMA in New York and the Barbican in London.
In Reverse will focus on a major new project – first shown this year at the Design Museum Holon, the iconic building designed by Arad in Tel Aviv – exploring, through physical experiments and digital simulations, the way in which automobile bodies, specifically the Fiat 500, behave under compression.

By no means could Fiat – main sponsor of the event – and its iconic 500 pass up this internationally unique kaleidoscope of colours and materials, confirming its attention to the world of Art and Design, a communications “territory” in which it is visibly in its element.
On clean white walls of the spaces designed by Renzo Piano at the 4th floor of the Pinacoteca Agnelli, Arad will install “Dried Flowers” (2013): six crushed Fiat 500s, each flattened to resemble the outcome of a scenario in a cartoon or a child’s drawing that lacks a sense of depth. The crushed vehicles will surround a curved wooden forming buck, a mould that was used to shape and fit the metal panels of the 500, which is on loan from the Fiat Archive and Museum. Nearby, Arad will present “Roddy Giacosa (2013)”, a new sculpture created by positioning hundreds of polished stainless steel rods on a metal armature in the shape of a Fiat 500. Each contoured section takes the shape of one of the vehicle’s panels and the parts fit together to form the body of the car. The mould for this work will also be shown.
Alongside the walls displaying the crushed Fiats will be a group of Arad’s designs, primarily chairs made from steel, tracing his experimentation with the medium from his earliest works in the 1980s and a number of crushed objects, such as a toy police car that he found forty years ago in the street in Tel Aviv, as well as other objects that were studies and tests, including a bottle rack that he had flattened by a steamroller.
In Reverse will also feature “Slow Outburst (2013)” Arad’s digital simulation of the crushing process, using the most recent model of the Fiat 500, as well as a sculpture derived from one frame of the film “Drop (2013)” that has been made by a 3D printing technique. Digital prints on paper (“Lets Drop It, OK? (2013)”) capture the results of simulated digital compressions of the Roddy Giacosa.

Hai dimenticato i tuoi dati di accesso? Clicca qui

Non sei registrato? Registrati ora

Recupera il tuo Sky iD
Inserisci l'indirizzo e-mail con cui ti sei registrato

Recupera il tuo Sky iD
Ti informiamo che a breve riceverai via mail il tuo username
Recupera username
Recupera il tuo Sky iD
Recupera password
Ti informiamo che a breve riceverai una e-mail che ti permetterà di modificare la tua password
Recupera password
Username non trovato in archivio.
Aggiorna indirizzo email
Calcola codice fiscale
Aggiorna indirizzo email
E' stata inviata una email di conferma al nuovo indirizzo che hai specificato, la procedura di aggiornamento sarà completa non appena selezionerai il link di conferma.
Aggiorna indirizzo email
Si è verificato un errore durante la procedura di aggiornamento. Riprovare più tardi
Caricamento in corso...

Tutti i marchi Sky e i diritti di proprietà intellettuale in essi contenuti, sono di proprietà di Sky international AG e sono
utilizzati su licenza. Copyright ©2014 Sky Italia - P.IVA 04619241005 - Segnalazione abusi