Sky Arte HD
SkyArte
Max Beckmann Siesta

Alla riscoperta di Max Beckmann, l’espressionista odiato dai nazisti

C'è tempo fino al 27 gennaio per visitare l'antologica che il Museo d’arte di Mendrisio dedica a uno dei Maestri dell’arte … >>

Louis Kahn sul tetto di palazzo Ducale, Venezia, febbraio 1972 Credit: © Archivio UIA Venezia

L’architettura di Louis Kahn da Venezia a Mendrisio

È Louis Kahn e Venezia. Il progetto per il Palazzo dei Congressi e il Padiglione della Biennale la mostra con cui inaugura la … >>

Quattromila anni di storia dell’umanità… a cavallo

Morsi, speroni, staffe, ma anche dipinti, incisioni, libri antichi e persino un raro cavallo a dondolo di epoca settecentesca, … >>

Mario Botta, Teatro dell'architettura, Mendrisio, foto Enrico Cano

L’architettura ha il suo teatro. Firmato da Mario Botta a Mendrisio

Lo scorso mercoledì, 7 febbraio, a Mendridio il pubblico ha fatto la conoscenza ufficiale di una nuova struttura appartenente … >>

Cuno Amiet, Ragazzo bretone (Bretonischer Knabe) 1893, olio su tela, 65 x 80 cm Kunsthaus Zürich, Vereinigung Zürcher Kunstfreunde © M. + D. Thalmann, Herzogenbuchsee

A Mendrisio, in mostra il “paradiso” di Cuno Amiet

Dopo la mostra Ferdinand Hodler und Cuno Amiet. Eine Künstlerfreundschaft zwischen Jugendstil und Moderne, ospitata nelle sale … >>

Benedetta Mori Ubaldini

A Mendrisio, per conoscere la scultura contemporanea

Al Museo d’arte Mendrisio, fino al 25 giugno 2017, la mostra Metamorfosi. Uno sguardo alla scultura contemporanea indaga … >>

Per Kirkeby, Senza titolo (Groenlandia), 2011 gouache su carta, 21 x 28 cm Co urtesy Bo Bjerggaard Galleri, Copenaghen

Dalla Scandinavia, arriva a Mendrisio il paesaggista Per Kirkeby

Nel novero degli interpreti più rappresentativi del panorama culturale dell'area scandinava del Novecento, Per Kirkeby è … >>

Dal 31 maggio al 4 ottobre, la Pinacoteca cantonale Giovanni Züst di Rancate, in provincia di Mendrisio, ricorda un illustre ticinese con l’affascinante mostra Serodine nel Ticino, intitolata proprio a Giovanni Serodine, pittore del Seicento europeo, morto a soli trent’anni nel 1630. Il Canton Ticino conserva circa la metà della quindicina di opere ancora esistenti realizzate dall’artista. Una di queste è la grandiosa Incoronazione della Vergine, custodita presso la parrocchiale di Ascona, paese d’origine di Serodine, e oggi spostata a Rancate, in occasione dei restauri della chiesa ospite. Questo episodio è alla base della mostra negli spazi della Pinacoteca, dove si conservano ben tre opere del pittore. L’esposizione, incentrata sui capolavori ticinesi, sintetizza la fulminante carriera di Serodine. Trasferitosi a Roma, il pittore assorbe la lezione di Caravaggio, che si riflette in opere incandescenti e dense. Nonostante i numerosi incarichi ufficiali commissionati dalla Chiesa, lo stile di Serodine è fortemente osteggiato dai suoi contemporanei, scivolando nell’oblio. Solo il critico novecentesco Roberto Longhi ne riconoscerà la bravura, sdoganando le successive mostre a lui dedicate. La rassegna ticinese Giovanni Serodine, San Pietro in carcere, Olio su tela, Rancate (Mendrisio), Pinacoteca Züst

La pittura barocca del ticinese Giovanni Serodine

Dal 31 maggio al 4 ottobre, la Pinacoteca cantonale Giovanni Züst di Rancate, in provincia di Mendrisio, ricorda un illustre … >>