Sky Arte HD
SkyArte

Arte criminale, Caravaggio alla sbarra

20 agosto 2013

Difficilmente il binomio tra genio e sregolatezza trova sintesi migliore. Nella straordinaria parabola artistica e nella tormentata vicenda personale di Michelangelo Merisi si rintraccia in modo sublime il corto circuito tra ragione e sentimento, estro e follia. Delitto e castigo, insomma: le traversie giudiziarie, le risse e gli accoltellamenti, i processi e le fughe precipitose, il tormento e la redenzione sono al centro di Caravaggio criminale, show che svela i segreti più inconfessabili dell’artista.

Sul palco dell’Auditorium Parco della Musica di Roma Giancarlo De Cataldo, scrittore e magistrato, uomo di legge sedotto da uno tra i più grandi maestri che l’arte abbia mai conosciuto. Al suo fianco Claudio Strinati, tra i massimi esperti di Caravaggio in attività: l’inedito binomio passa in rassegna, grazie a un’accurata analisi delle fonti storiche, i fatti di cronaca che hanno avuto come protagonista il Merisi, svelando dettagli e inattese verità.

Galeotto fu un sonetto, poesia di invettive volgari e scurrili con cui – siamo nel 1603 – Caravaggio deride Giovanni Baglione, pittore con ottime entrature nella Curia romana, benché dotato di un talento non paragonabile a quello limpidissimo del Merisi. Nasce una causa per diffamazione, che porta il fumantino artista lombardo a placare i bollenti spiriti con un soggiorno forzato nelle galere dello Stato della Chiesa.

Un reato di poco conto, non paragonabile a quello che Caravaggio compie di lì a pochi anni. E che lo tormenterà per tutto il resto della propria vita. Forse un vecchio debito di gioco, forse questioni di cuore; forse ancora una banalissima disputa nata giocando a pallacorda: futili motivi alla base della rissa cruenta che vede il pittore passare a fil di spada il rivale Ranuccio Tomassoni. Trasformando la sua vita nell’infernale perenne fuga di un ricercato.    

La curiosità – Condanna a morte per decapitazione: a ciò va incontro Caravaggio dopo l’assassinio di Ranuccio Tomassoni. L’artista, grazie alla complicità dei suoi nobili e potenti committenti, trova la via della fuga da Roma, ripara a Malta, in Sicilia e infine a Napoli. Dove dà sfogo alla sua frustrazione di ricercato sulla tela. Inquietante il suo Davide con la testa di Golia  , oggi conservato a Villa Borghese. Nel capo mozzato del personaggio biblico è infatti chiaramente riconoscibile l’autoritratto dello stesso Caravaggio.

 


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close