Sky Arte HD
SkyArte

I girasoli di Van Gogh

8 maggio 2018

Vincent Van Gogh è il protagonista dell’episodio della saga Il mistero dei capolavori perduti in onda giovedì 10 maggio su Sky Arte HD, intitolato Van Gogh sotto le bombe. I riflettori si accenderanno su un’opera distrutta dalla ferocia della Storia, raffigurante uno dei soggetti preferiti dal pittore olandese, i girasoli.

Nonostante il successo mai guadagnato durante la propria esistenza e un temperamento ombroso, Van Gogh amava raffigurare anche soggetti carichi di vitalità, proprio come i girasoli. Nell’agosto del 1888, in una sola settimana, Van Gogh realizzò quattro eccezionali dipinti della serie dei Girasoli, un fiore cui l’artista attribuiva molti significati simbolici. Frutto della fascinazione di Van Gogh verso l’arte giapponese, ma anche verso gli esperimenti dei suoi colleghi dell’avanguardia francese, questi dipinti sarebbero divenuti, dopo la morte dell’artista, capolavori amati a tutte le latitudini.

Vaso con cinque girasoli, il secondo quadro della serie, finì in Giappone, negli anni Venti del secolo scorso, dopo essere stato acquistato da Koyata Yamamoto, un uomo d’affari di Ashiya, cittadina vicino a Osaka. Yamamoto conservò il dipinto sulla parete del salotto della sua residenza nel quartiere Uchide di Ashiya ma, nel 1945, la città subì quattro incursioni aeree da parte dell’esercito americano sullo sfondo della Seconda Guerra Mondiale. Durante l’attacco finale, nello stesso giorno in cui la bomba atomica veniva sganciata su Hiroshima, ottantanove persone furono uccise e l’abitazione di Yamamoto fu una delle quasi tremila case rase al suolo. Anche il Vaso con cinque girasoli scomparve per sempre.

Come di consueto, grazie al lavoro degli esperti di Factum Arte, questo capolavoro potrà tornare in vita. Il team di professionisti si interrogherà sui materiali usati da Van Gogh, scoprendo la sua palette di colori e il modo in cui li mescolava alla cera per aumentarne la consistenza. Un procedimento che sarà ricreato da Factum Arte utilizzando un software digitale ad alta tecnologia.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #CapolavoriPerduti.