Sky Arte HD
SkyArte

La storia del Vallo di Noto

23 maggio 2018

Torna su Sky Arte HD Italie invisibili, la serie intitolata ai luoghi in cui il tempo e la storia hanno lasciato il segno del proprio passaggio. Durante l’episodio in onda giovedì 24 maggio, esploreremo il Vallo di Noto, in Sicilia, che, con le sue otto cittadine, figura tra i patrimoni Unesco dal 2002. Eppure la sua “fortuna” ebbe origine da un evento disastroso.

Nel 1693 un terremoto epocale colpì 60mila persone e segnò una linea tra il prima e il dopo nella provincia siciliana. All’indomani della tragedia, il governo spagnolo incaricò Giuseppe Lanza, duca di Camastra, di prestare i primi soccorsi alla popolazione e avviare la ricostruzione. Le vecchie cittadine, dall’impianto urbano spesso ancora medievale, furono in alcuni casi ricostruite ex novo, in altri edificate a breve distanza dal sito originario, in altri ancora abbandonate alla volta di grotte ritenute sicure perché anticamente scavate nel ventre dei monti.

Le tendenze progettuali tardo-barocche della ricostruzione alternano innovazione e tradizione: le facciate-torri netine delle chiese progettate da Rosario Gagliardi si rifanno a modelli mitteleuropei; Giovanni Battista Vaccarini, invece, riadatta la lezione romana del Barocco negli edifici catanesi. I loro disegni vengono resi concreti da capomastri e artigiani colti come i Gianforma, che decorano, stuccano e tramandano il loro sapere. Le chiese ricostruite custodiscono opere sopravvissute alla distruzione, come la Madonna con il Bambino di Francesco Laurana a Noto, la pittoresca Madonna delle Milizie e la rara tela del Cristo di Burgos a Scicli, che si affiancano alla nuova committenza degli affreschi del Mistero della chiesa, realizzati da Olivio Sozzi a Ispica.

La ricostruzione in Val di Noto fu uno sforzo corale di tutta la popolazione verso la modernità, che Giulio Carlo Argan ha definito “il più grandioso e il più audace che l’isola abbia mai prodotto”. Le testimonianze di Pietrangelo Buttafuoco, Lucia Trigilia, Paolo Militello, Corrado Fianchino e Barbara Mancuso approfondiranno le vicende storiche del Vallo di Noto.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #ItalieInvisibili.