Sky Arte HD
SkyArte

In memoria di Luca Viotto, talento della regia

24 febbraio 2017

Omaggio Luca Viotto Basiliche

È stato un regista capace di unire l’universo cinematografico e quello artistico, trattando spesso, nelle sue pellicole, tematiche particolarmente legate alla storia della creatività. Proprio per questo, il vuoto lasciato dalla sua scomparsa è ancora più tangibile. Scomparso nella notte fra il 23 e il 24 febbraio, Luca Viotto è il protagonista dell’omaggio dedicato da Sky Arte HD, Sky 3D e Sky Cinema a uno dei loro professionisti più talentuosi, in onda sui tre canali domenica 26 febbraio.

Il fulcro dell’intenso ricordo saranno alcuni dei documentari più celebri firmati da Viotto nel corso degli ultimi anni. Il sipario si alzerà su 27 Aprile 2014: Racconto di un Evento, incentrato sulla figura di Papa Francesco, raccontata attraverso una serie di preziose testimonianze come quella di Dario Fo, Pupi Avati, Aldo Grasso, e introdotta da un excursus sulla Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII e Papa Giovanni Paolo II. Tiene le redini del racconto monsignor Dario Edoardo Viganó, direttore del Centro Televisivo Vaticano, mentre la voce narrante appartiene a Giancarlo Giannini.

A seguire sarà la volta di San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D, il viaggio tridimensionale attraverso le quattro Basiliche Papali di Roma e i loro tesori: San Pietro – una delle 25 mete più visitate al mondo – San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo Fuori le Mura. Il fil rouge narrativo si basa su alcuni brani tratti dalle Passeggiate Romane di Stendhal, interpretati da Adriano Giannini, mentre quattro famosi esperti illustrano la storia della Basiliche e delle opere conservate fra le loro mura.

La serata si concluderà con la proiezione di Firenze e gli Uffizi 3D – Viaggio nel cuore del Rinascimento, vincitore del Premio Speciale ai Nastri d’Argento nel 2016. Anche in questo caso la pellicola propone la collaudata formula del percorso multidimensionale e multisensoriale, alla scoperta di un museo, delle sue storie e dei suoi tesori. Utilizzando le tecnologie più avanzate, il film si snoda attraverso 150 opere d’arte e dieci location simbolo della Firenze rinascimentale: dalla Cappella Brancacci alla Cupola del Brunelleschi, da Palazzo Vecchio alle Gallerie dell’Accademia, sino agli Uffizi. A guidare lo spettatore, la voce dell’attore inglese Simon Merrells che, nel ruolo di Lorenzo il Magnifico, racconta la “sua” Firenze, creando appassionanti rimandi tra passato e presente.