Sky Arte HD
SkyArte

La storia di Pompei

30 marzo 2018

È uno dei siti archeologici più visitati di sempre, complice la devastante eruzione del Vesuvio che, nel 79 d. C., seppellì la città sotto una spessa coltre di ceneri e lapilli. Stiamo parlando di Pompei, che da allora non ha smesso di affascinare viaggiatori e turisti, monumento alla inarrestabile forza della Natura e protagonista della Notte a Pompei in onda sabato 31 marzo su Sky Arte HD.

Inaugurerà la serata l’episodio di Italian Season dedicato a Pompei e ai Giardini dell’Ozio, un viaggio nell’epoca dei romani per scoprire cosa amassero mangiare, quali piante preferissero, come trascorressero le loro giornate e come impegnassero il tempo libero. Dalla villa di Poppea, cornice dei noti bagni nel latte d’asina, a Villa San Marco, di proprietà di un ex schiavo che aveva fatto fortuna; dalle terme in affitto della casa di Giulia Felice fino alla biblioteca incredibilmente recuperata dalla Villa dei Papiri di Ercolano, carpiremo le peculiarità della cultura degli antichi romani, osservando da vicino le esistenze dei nostri antenati.

L’omaggio a Pompei proseguirà con l’episodio della serie Sette Meraviglie. Dopo aver approfondito ogni dettaglio della città, iscritta nella lista dei Patrimoni UNESCO, suggestive riprese aeree regaleranno una panoramica mozzafiato. Ci addentreremo poi nelle domus, tra sale finemente affrescate e alcove segrete, alla scoperta della dimensione pubblica e privata di una civiltà raffinatissima, colta all’apice del proprio splendore.

Sarà poi la volta di David Gilmour ‒ Live at Pompeii. A 45 anni di distanza dal film-concerto che segnò un’epoca, il musicista ha fatto ritorno tra le rovine senza tempo di Pompei per due show esclusivi, le cui riprese sono confluite nel documentario in onda sabato. La pellicola farà rivivere al pubblico l’emozione di brani leggendari come One Of These Days, The Great Gig In The Sky estratto da The Dark Side Of The Moon e tanti altri capolavori.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #NotteAPompei.