Sky Arte HD
SkyArte

La Contea del Tirolo

6 giugno 2018

Italie invisibili, la serie intitolata ai luoghi in cui il tempo e la storia hanno lasciato il segno del proprio passaggio, torna su Sky Arte HD giovedì 7 giugno. Stavolta la destinazione è la Contea del Tirolo, una cerniera che unisce l’arco alpino lungo le Dolomiti. Nel Medioevo, attraverso le Alpi e lungo le valli dell’Adige e d’Isarco, passavano gli imperatori del Sacro Romano Impero per farsi incoronare a Roma, protetti dai nobili che abitavano i castelli sulle alture e dai principi-vescovi di Trento e Bressanone, che per conto loro gestivano i feudi alpini.

In questa terra di montagna nasce nel 1259 la Contea del Tirolo, tra il nord e il sud del Passo del Brennero, ignorando un confine stabilito solo dopo la Seconda Guerra Mondiale. La storia della contea inizia a Castel Tirolo, eretto intorno al 1138 a nord-ovest di Merano. Nei portali del castello, negli affreschi delle cappelle e nelle portelle dell’altare confluiscono gli stilemi dell’arte romanica e gotica, cui si aggiunge la lezione appresa da Giotto e dalla scuola veneta.

Sarà soprattutto Mainardo II del Tirolo a espandere i confini della contea conquistando Castel Roncolo, con i suoi cicli di affreschi cortesi, insieme a molti altri castelli di nobili suoi rivali. I principi-vescovi di Trento resistono all’annessione alla contea di Castel Firmiano, che Reinhold Messner ha oggi trasformato in una delle sedi del suo Messner Mountain Museum.
L’apertura del Passo del Brennero agli inizi del Trecento fa spostare l’asse dei traffici di merci e dell’argento delle miniere tirolesi, favorendo la crescita di Bolzano e la costruzione di chiese come quella dei Domenicani, dove gli artisti compongono opere dal sapore giottesco.

Lungo le strade della devozione nascono ospizi antichi come quello di San Floriano e fioriscono le abbazie. Quella di Novacella, edificata nel 1142 per volere del vescovo di Bressanone, ospita la cappella romanica di San Michele, che ricorda il Santo Sepolcro di Gerusalemme. Trento è raggiunta dalla espansione della contea solo nei primi anni del Quattrocento, quando il principe-vescovo del Castello del Buonconsiglio è imprigionato con il favore del popolo. I conti del Tirolo scopriranno nella Torre Aquila il Ciclo dei mesi del Maestro Venceslao di Boemia.

Nel 1420 Innsbruck diventa la capitale della contea, dando il via a un nuovo capitolo della storia del Tirolo. Messner, interrogato sulla sua visione odierna di questa terra, dirà: “Oggi sono del parere che la storia del proprio Paese è la base per una visione del futuro. E più vado indietro e capisco ieri, più so andare anche nel futuro”. Oltre a Reinhold Messner prenderanno la parola Walter Landi, Katia Occhi, Leo Andergassen e Laura Dal Prà.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #ItalieInvisibili.