Sky Arte HD
SkyArte

Quando un murale di Bansky fece il giro del mondo

6 dicembre 2018

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Distribuita da Nexo Digital, diretta da Marco Proserpio e animata dalla voce narrante di Iggy Pop, il film documentario L’uomo che rubò Banksy – in arrivo nei cinema italiani solo nei giorni 11 e 12 dicembre prossimi – prende avvio dal 2007, quando Banksy e la sua squadra si introdussero nei territori palestinesi occupati, lasciando il segno del proprio passaggio su case e muri di cinta e suscitando l’indignazione degli stessi abitanti, che contestarono il murale in cui un soldato chiede i documenti a un asino.

Fu allora che Walid, tassista del posto, decise di tagliare il muro della discordia per rivenderlo al miglior offerente. Da quel momento la porzione di muro dipinta dallo street artist senza volto ha raggiunto il mercato e fatto il giro del mondo. Un evento che ha posto non pochi interrogativi: a chi appartiene un’opera di street art e chi ha quindi diritti anche economici sull’intervento?

Tutti i video >>

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close