Metti una notte a Roma, con “Musei in musica”

28 novembre 2012

Roma, il Maxxi by night - foto Valerio Iacobini

Quasi 230 ore di musica, spalmate in 80 eventi accolti in circa 40 diverse location. E tutte, rigorosamente, gratuite. Una serata tra arte e spettacolo quella che Roma di appresta a vivere sabato 1 dicembre: luci accese fino a tardi nei principali luoghi di cultura della Città Eterna per la quarta edizione di “Musei in Musica”, evento che apre le porte di collezioni e mostre temporanee alla trascinante energia della musica.

Dal Macro al Maxxi, passando per il Chiostro del Bramante e la Centrale Montemartini: cornici suggestive per un incontro inedito e seducente. Dalle 20 fino alle 2 del mattino, con ultimi ingressi all’1, il programma è ricco di eventi unici e irripetibili. Come l’apertura straordinaria del Complesso del Vittoriano in versione notturna: accesso fino alle 24 per l’eccezionale retrospettiva che celebra il centesimo anniversario della nascita di Renato Guttuso.

Formazioni d’eccezione per alcuni dei big della canzone d’autore italiana, che presentano in originali set acustici i propri brani più celebri. Capita ai Tiromancino di Federico Zampaglione, in inedita formazione a tre, in concerto a La Pelanda  alle 21.30 e in replica alle 23; capita a Luca Barbarossa, che agli stessi orari si esibisce, accompagnato dalla chitarra classica di Mario Amici, nella cornice del Palazzo delle Esposizioni.

Suggestione pura, all’Auditorium dell’Ara Pacis, per il tributo a Fabrizio De André; intenso l’appuntamento alla Casa dell’Architettura con l’anteprima di Atom in Rome: un coro della bellezza di ottanta elementi accompagna, insieme ad un ensemble di ottoni, l’omaggio dei Pink Floyd Legend a Gilmour e soci. Un assaggio del maxi show previsto nella Capitale per il mese di gennaio, con l’esecuzione integrale dello storico Atom Hearth Mother .