Parigi: anche l’albero di Natale è glamour. Per beneficenza

18 dicembre 2012


Tutto è moda, a Parigi. Anche un albero di Natale. Nella città simbolo internazionale della bellezza, del fashion e del glamour torna l’appuntamento con Les sapins de Noël des Créateurs , edizione numero diciassette per una parata di stelle a sostegno di importanti campagne umanitarie internazionali. Perché i proventi della vendita degli alberi e delle cartoline che li ritraggono vengono devoluti in favore di programmi di utilità sociale.

Oltre 80mila euro raccolti nell’edizione 2011, diecimila solo dalla vendita – avvenuta alla celebre fiera che anima Francoforte durante le feste di fine anno – dell’esemplare firmato da Jean-Paul Gaultier: un piccolo tesoro devoluto per contribuire alla lotta contro il cancro. Una somma che si punta naturalmente a doppiare. Anche grazie all’aiuto di partner prestigiosi: le realizzazioni trovano posto in luoghi di fascino assoluto, dal Louvre fino al Centre Pompidou.

Tra alberi e addobbi non mancano le curiosità per un 2012 sfolgorante e sfavillante. Ecco l’Omino di Pan di Zenzero dei designer canadesi Dsquared2, addobbato con una trasgressiva mise sadomaso; ma anche l’elegante stile total black di Damien Da Rocha. Sceglie di lavorare con la carta il brand coreano Wooyoungmi; più tradizionale, per forme e colori, la composizione firmata da Pierre Hermé.

Ma quella degli alberi fashion non è un’esclusiva della Ville Lumiére. È da diciannove anni che in Italia si ripete “Il Natale dei 100 alberi d’autore”, iniziativa in tutto e per tutto analoga a quella francese: il denaro raccolto, quest’anno, è stato devoluto alle iniziative di restauro nelle città emiliane colpite dal terremoto. In asta i progetti delle più grandi maison della moda, ma anche una coloratissima creazione firmata da Sophia Loren.