Mappe digitali per scovare tesori urbani

8 gennaio 2013


Ripensare gli spazi urbani, tele bianche su cui disegnare un futuro a portata di mano: grazie al ricorso alle nuove tecnologie, strumenti che arricchiscono il fare arte di nuove e inedite possibilità. L’appuntamento 2013 con il Video Sound Art Festival di Milano, alla sua terza edizione, punta a tracciare un ritratto de “La forma della città” , ispirandosi all’omonimo cortometraggio di Pasolini e puntando a dare spazio alle più giovani energie creative.

Manca poco alla pubblicazione, rigorosamente on-line, del bando che seleziona gli artisti chiamati ad esporre nella tre giorni che, a fine maggio, animerà Milano: video arte, motion graphic e animazione 3D sono tra i canali privilegiati di una rassegna che non manca di indagare anche musica e arti performative. Una vetrina intrigante per molti giovani emergenti, cui viene offerta la possibilità di misurarsi con artisti già affermati.

Il Video Sound Art Festival non si limita esclusivamente ai giorni della rassegna, ma vive di un percorso a tappe lungo dodici mesi. Intrigante il programma dei workshop: a dicembre quello sugli effetti speciali condotto da François Vogel, film maker e fotografo francese considerato tra i massimi esperti internazionali nel campo delle riprese stetoscopiche; in programma a fine gennaio, invece, quello di video mapping condotto dal collettivo Pistol Shrimp.

Cornice del festival è Villa Simonetta, complesso rinascimentale oggi sede della Civica Scuola di Musica, che nell’edizione 2012 ha accolto le coinvolgenti proiezioni dell’Ade Creative Group; ma anche le performance di nomi importanti della musica sperimentale: dai britannici Fujiya & Miyagi ai Lower Dens, fino al giovanissimo pianista tedesco Nils Frahm, capace di un inedito connubio tra classica ed elettronica.