Marco Risi, un noir all’italiana per il Taormina Film Fest

17 giugno 2013


Ha avuto fin dalla sua creazione, cinquantanove anni fa, un taglio profondamente hollywoodiano. Richiamando in Sicilia, nel corso delle diverse edizioni, star del calibro di Audrey Hepburn e Liz Taylor, Marlon Brando e Gregory Peck; fino ad arrivare, più recentemente, a Tom Cruise e Melanie Griffith. Nessuna sorpresa dunque se a incamminarsi lungo il red carpet del Taormina Film Fest sono anche questa volta protagonisti indiscussi del cinema internazionale.

Da sabato 15 fino al prossimo 22 giugno il Teatro Antico, perla della Magna Grecia, accoglie in prima visione italiana alcune tra le pellicole più interessanti della stagione. Il sipario della rassegna si è alzato su L’uomo d’acciaio , nuovo capitolo della saga di Superman interpretato da Henry Cavill e Russel Crowe: l’attore australiano, insignito del Taormina Arte, non è però l’unico divo atteso in Sicilia.

In arrivo il protagonista dei Sopranos  James Gandolfini e il premio Oscar Marisa Tomei, ma anche Jeremy Irons, quest’ultimo protagonista – con lui anche Giuseppe Tornatore e Gabriele Muccino – delle lezioni di cinema di TaoClass, serie di incontri che mette a confronto il pubblico del festival con i grandi protagonisti del cinema. A chiudere la rassegna la proiezione di The Lone Range , ultima favola visionaria diretta da Gore Verbinski e interpretata da Johnny Depp.

Da Mickey Rourke alle prese con l’action movie Java Heat  fino a Killing Season , thriller che vede sul set Robert De Niroi e John Travolta: il programma del festival propone pellicole dall’alto tasso di adrenalina. Come nel caso del Cha Cha Cha  di Marco Risi, con Claudio Amendola, Luca Argentero ed Eva Herzigova protagonisti di un giallo a tinte fosche, drammatica fotografia di un’Italia violenta e corrotta.