Noir In Festival, cinema da brivido a Courmayeur

11 dicembre 2013


Che da queste parti a dicembre si battano i denti non è certo una novità. Ma non è tanto la colonnina di mercurio a produrre brividi, a Courmayeur: è il cinema. Con l’edizione numero ventitre del Noir In Festival, rassegna interamente dedicata ai film ad alta tensione in scena nella località valdostana fino al prossimo 15 dicembre. Dodici le pellicole in concorso, accompagnate da un ricco cartellone di eventi collaterali. Centrati sulla settima arte, ma non solo.

Cinema e letteratura camminano a braccetto lungo i sentieri di una rassegna che, alla competizione tra film, lega l’assegnazione del premio intitolato all’indimenticabile Giorgio Scerbanenco: sono cinque i romanzi editi nel 2013 a darsi battaglia, nel tentativo di aggiudicarsi la palma di miglior giallo dell’anno. Sotto lo sguardo di ospiti d’eccezione. Su tutti Henning Mankell, autore di quel Wallander  reso celebre dalla trasposizione televisiva con Kenneth Branagh.

Firme autorevoli anche, naturalmente, per i film in gara. Si parte dal legal-thriller Devil’s Knot  , firmato dal regista Atom Egoyan (già Premio della Critica a Cannes) e interpretato da Colin Firth; e si arriva all’atteso Enemy  di Denis Villeneuve, con Jake Gyllenhaal e Isabella Rossellini. Passando per l’italiano Neve  di Stefano Incerti e per Wakolda , con cui l’argentina Lucia Puenzo tenterà la corsa all’Oscar per il miglior film straniero.

In questi giorni il cinema, a Courmayeur, si veste di nuance che vanno oltre quelle… del nero e del giallo! Viene presentato al pubblico italiano The Counselor , ultima fatica di Ridley Scott sceneggiata dallo scrittore Cormac McCarthy – autore del best-seller Non è un paese per vecchi  – e forte di un cast che punta su Javier Bardem, Brad Pitt, Cameron Diaz e Penelope Cruz. Per i patiti del fantasy imperdibile la proiezione della versione uncut  del primo episodio della trilogia de Lo Hobbit , cui segue la premiére della seconda parte. Nelle sale dal 13 dicembre.

[nella foto: Colin Firth in “Devil’s Knot” di Atom Egoyan]