Calder secondo Mulas. In mostra a Merano

12 febbraio 2014


È una storia di incontri straordinari quella messa in scena, fino a metà maggio, negli spazi di Merano Arte. Il primo, accidentale, ha luogo nella Parigi degli Anni Venti; e ha come protagonista un giovane artista americano e un ingegnoso giocattolaio balcanico. Il secondo, nell’Italia del Boom, vede quel ragazzo ormai cresciuto e diventato tra i più grandi creativi del suo tempo imbattersi in un fotografo dalla innata capacità di narratore. E offre risultati di pura magia.

Sono quasi quaranta gli scatti con cui l’indimenticabile Ugo Mulas ha raccontato l’atmosfera dell’eccentrico ed onirico circo animato da Alexander Calder; esperienza germinale per il suo concentrarsi sulla poetica dei cosiddetti mobiles , sculture dinamiche fissate nella fluidità dello spazio. Leggere e fascinose come trapeziste, eleganti e stupefacenti in un senso plastico da contorsionisti, colorate e gioiose nello spirito carnascialesco di un clown.

Il Circus Calder  nasce così: ispirandosi ai primi giocattoli con giunture semoventi, introdotti dalla figura dell’avventuroso artigiano serbo conosciuto dall’artista nella Ville Lumière. E diventa presto prototipo di un’azione performativa, con i diversi pezzi compressi in valigie che si schiudono nelle più disparate località degli Stati Uniti, dove Calder mette in scena i suoi immaginifici spettacoli. Con leggiadre danze aeree ad anticipare la cifra delle sue opere più mature.

Un lavoro, questo, che Mulas impara a conoscere a margine della partecipazione dell’artista americano al Festival dei Due Mondi di Spoleto, nella memorabile edizione del 1962. Tra i due nasce un rapporto di sincera amicizia, patina di stima e affetto che traspare in modo ineludibile nell’indagine fotografica esposta a Merano. Dove – sublime gioco di prestigio – il capolavoro è duplice: nella stupefacente meraviglia delle installazioni di Calder e nella magniloquente potenza delle immagini di Mulas.   

[nella foto: Ugo Mulas, “Alexander Calder”, Roxbury, 1963, Fotografia di Ugo Mulas © Eredi Ugo Mulas]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close