Fiere: Milano capitale dell’arte con Miart

27 marzo 2014


Le gallerie più importanti d’Italia? Buona parte hanno sede a Milano. I collezionisti più influenti? Anche loro hanno casa all’ombra della Madonnina. Grandi mostre in spazi istituzionali? Tra musei e kunsthalle il calendario, in città, è sempre fittissimo. Difficile non riconoscere al capoluogo lombardo un ruolo di primo piano nel panorama – non solo nazionale – dell’arte contemporanea: un primato che dal 28 al 30 marzo viene ribadito da Miart.

Appuntamento nei padiglioni di FieraMilanoCity con la rigorosa selezione che ha visto il direttore della rassegna, Vincenzo De Bellis, individuare centocinquanta tra le realtà più interessanti del settore. Dando alla rassegna un taglio che, al naturale profilo commerciale, lega un’anima squisitamente curatoriale: è il caso della sezione THENnow , inedito gioco delle coppie che i lavori di artisti storicizzati specchiarsi in quello di firme dell’ultima generazione.

Suggestivo, a proposito, l’incontro suggerito tra il visionario Mario Schifano e Cory Arcangel; tutto giocato sulla potenza materica dei materiali umili, usati in modo divergente da entrambi, quello tra Giuseppe Uncini e Matias Faldbakken. All’insegna delle grandi firme anche il programma di talks  proposto dalla fiera, che permette l’incontro con ospiti di caratura internazionale: partendo dalla curatrice della potentissima Fondazione Jumex, tra i più importanti musei privati al mondo, e arrivando – a compendio dell’attenzione crescente riservata dalla fiera al design – ad Alessandro Mendini e al duo Formafantasma. Next big thing  del settore, già entrata nell’orbita del MoMA e del Vitra Design Museum.

Ricco come non mai il panorama degli eventi collaterali che accompagnano la fiera, riuniti sotto l’etichetta The Spring Awakening  : il risveglio primaverile della città passa dalle sale del PAC con la personale di Regina José Galindo e si spinge fino all’Hangar Bicocca, dove è in scena la prima retrospettiva italiana dedicata a Cildo Meireles; tre le serate che Massimiliano Gioni, curatore dell’ultima Biennale di Venezia, ha pensato per il Planetario Hoepli. Con le proiezioni di opere video di Stan VanDerBeek, Jeronimo Voss e Katie Paterson, appositamente “arrangiate” per l’insolita location.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close