Billy Corgan dice basta: addio Smashing Pumpkins

10 dicembre 2014


Mai dire mai nel rock: c’è sempre spazio per una reunion, un ritorno di fiamma, un concerto imprevisto e imprevedibile; un nuovo album – chissà, magari registrato frugando nei b-side dell’età dell’oro – o un greatest hits , la pubblicazione di materiale live perduto e dimenticato. Ma questa volta, almeno dando fede alle parole del loro leader incontrastato, per gli Smashing Pumpkins è giunta davvero la parola fine. O meglio: della “fine, fine, fine!” .

Ribadisce per tre volte il concetto, scandendo bene le parole Billy Corgan, che ha creato il gruppo a Chicago nel 1988 e l’ha plasmato a sua immagine e somiglianza: dettandone la linea, scrivendone i maggiori successi; decidendone in molti casi il destino, tra licenziamenti e sostituzioni dei diversi componenti, scioglimenti e frequenti ricomposizioni. In una enigmatica intervista al Wall Street Journal  arriva a dichiarare di “averne abbastanza del rock”  e di voler cambiare il volto della propria carriera.

Un’affermazione che arriva nei giorni della promozione di quello che, stando a Corgan, deve dunque essere considerato come il penultimo disco a firma Pumpkins: è infatti nei negozi dal 9 dicembre il nuovissimo Monuments to an Elegy , che annovera nella line-up il leggendario batterista dei Mötley Crüe Tommy Lee, e che lancia la volata all’uscita – nel 2015 – dell’annunciato definitivo Day for Night .

L’uscita di Corgan non è però la più spiazzante di una serie di dichiarazioni che, nelle ultime settimane, hanno visto la star togliersi più di un sassolino dalla scarpa. Prima parlando di sé, all’Independent , come uno dei due migliori songwriter degli Anni Novanta insieme a Kurt Cobain; poi attaccando frontalmente i “colleghi” di Foo Fighters e Pearl Jam: rei i primi di “non essersi mai evoluti” , i secondi di “non avere le canzoni”  per giustificare il loro successo.     


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close