Buon compleanno a Billie Holiday, stella del jazz

7 aprile 2015


Il 7 aprile 1915 nasceva Billie Holiday, futuro emblema dell’immaginario jazz coniugato al femminile. L’infanzia e l’adolescenza di Eleanora Fagan – questo il suo nome anagrafico – furono dominate da violenza e stenti, culminando in un trasferimento a New York e in una serie di drammatici espedienti per sopravvivere.

La musica si presentò alla giovane come un’occasione di riscatto, trasformandola in breve tempo in una splendida, nuova voce al confine tra jazz e blues. Totalmente autodidatta, Billie Holiday incise il primo album a diciotto anni; seguito a ruota, nel 1935, dalla serie di dischi incisi insieme al pianista Teddy Wilson, che le fecero raggiungere il grande pubblico.

Sullo sfondo della feroce discriminazione razziale verso i neri, Holiday non perse il coraggio di raccontare le propria realtà attraverso la musica, intonando la controversa Strange Fruit nel 1939. La fama garantita da altri celebri brani, come God Bless The Child o Lover Man (Oh Where Can You Be) crebbe insieme alla dipendenza da alcolici e droghe, che causò la morte della cantante a soli quarantaquattro anni.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close