Un Padiglione della Tolleranza per Mosca

1 giugno 2015

red-square-tolerance-pavilion-competition-2015

Sono stati più di 120, gli studi e i progettisti che hanno preso parte al concorso internazionale per l’ideazione del Red Square Tolerance Pavilion, il cosiddetto Padiglione della Tolleranza destinato all’iconica Piazza Rossa di Mosca.
L’iniziativa è stata promossa da HMMD, un gruppo di giovani professionisti impegnati nella stesura di bandi che promuovano la diffusione di idee innovative in ambito architettonico. L’obiettivo del concorso immaginato per Mosca è ambizioso: riflettere sul concetto di tolleranza in un contesto politicizzato come la celebre piazza.

Il primo premio è stato assegnato a quattro giovani architetti italiani – Marco Merigo, Matteo Pagani, Kiana Jalali, Alessandro Vitale – ideatori di un progetto di grande impatto. Il loro Padiglione, candido ed essenziale, se realizzato si troverebbe proprio contro il Muro del Cremlino, generando da subito un confronto tra un futuro di speranza e un passato controverso. Anche la scelta del colore bianco incrementa il messaggio di pace e perdono.

Il contrasto tra l’oppressione del muro e la leggerezza del Padiglione è accentuata dalla scelta di immaginare uno spazio completamente visibile dall’esterno, aumentando il senso di accoglienza della facciata inclinata, che vorrebbe spronare il visitatore a entrare. Una volta rimossa, la struttura lascerebbe il segno della propria sagoma sul muro rosso di mattoni, in una sorta di monito positivo per il futuro.