Le fragilità umane, raccontate in stop-motion

15 dicembre 2015

ANOMALISA film animato in stop-motion

Il trailer e il poster sono appena usciti in Italia, ma per vedere Anomalisa nei cinema italiani bisognerà attendere un paio di mesi. Il capolavoro d’animazione in stop-motion “per grandi” – diretto a quattro mani da Charlie Kaufman (Oscar per la sceneggiatura originale di Se mi lasci ti cancello) e Duke Johnson – uscirà infatti il 25 febbraio; in America sarà distribuito già dal 30 dicembre.

Premiato con il Gran Premio della Giuria alla 72. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, il lungometraggio racconta la storia di Michael Stone, marito, padre, uomo di successo, ma profondamente infelice. Una notte, durante un viaggio di lavoro, si ferma in un hotel e incontra Lisa, che diventa l’incarnazione di una possibile fuga dalla sua disperazione esistenziale. La pellicola si svolge così come un viaggio surreale, tenero e brillante, lungo una notte intera, che riflette su temi universali come l’amore e la solitudine.

Il film, in realtà, nasceva nel 2005 come spettacolo teatrale; solo in seguito si è pensato di tradurlo in un’opera d’animazione, a cui i registi Kaufman e Johnson hanno iniziato a lavorare grazie al successo di una campagna online di crowdfunding.

Acclamato dalla critica e dalla stampa internazionale, Anomalisa è stato definito come il film più umano dell’anno nonostante sia privo di esseri umani: a dare voce – nella versione originale – ai due protagonisti animati sono l’attore britannico David Thewlis e Jennifer Jason Leigh; tutti gli altri personaggi sono stati doppiati dal solo Tom Noona.