In Iran, gli “armadi” a cielo aperto per i senzatetto

27 dicembre 2015

kindness walls iran

Generosità, altruismo e solidarietà riscaldano il freddo inverno dei senzatetto in Iran, in aumento a causa della crisi economica che il Paese sta vivendo. Dalla città di Mashhad, nel nord-est, si sono diffusi i Kindness Walls: mura attrezzate con appendiabiti, dove chiunque può lasciare cappotti, giacche, scarpe e abiti caldi per proteggere dalle temperature rigide, a disposizione dei più bisognosi.

Grazie al tam-tam sui social media, il movimento ha preso piede rapidamente in molte delle principali città iraniane, come Isfahan, Kerman, Tabriz e Bandar Abbas. Oltre alle “mura della generosità”, spesso decorate e dipinte di colori accesi, i cittadini stanno equipaggiando le loro strade anche con vecchi frigoriferi dove poter lasciare cibo per i più poveri.

I Kindness Walls sono dunque un’ammirevole iniziativa dal basso, di partecipazione comunitaria, di cittadinanza attiva; un’azione concreta che risponde alle mancanze della politica; un’installazione che nella sua semplicità potrebbe fare una differenza – seppur piccola – in tutte quelle metropoli dove il dramma degli homeless ha una portata significativa.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close